Con le parole di Ignazio Silone, uno dei più importanti scrittori abruzzesi, il premier Paolo Gentiloni chiede al Paese di “combattere il rischio che vinca una rassegnata disperazione” dopo la concatenazione di emergenze e tragedie che hanno flagellato la regione del Centro Italia. Gentiloni, intervenuto al Senato per riferire sulla situazione dopo il terremoto, la slavina sull’Hotel Rigopiano e la caduta di un elicottero a Campo Felice con sei persone a bordo, esprime “compassione e cordoglio” per le vittime e “riconoscenza” per chi tenta di salvare le vite degli altri mettendo a rischio la propria. Vengono rispedite al mittente, invece, le critiche sui ritardi nel rispondere all’emergenza, sottolineando che non servono “capri espiatori” ma “la ricerca della verità”, che verrà acclarata dalla magistratura. L’esecutivo, ha spiegato Gentiloni, sta lavorando ad un decreto sulla gestione delle calamità naturali, che verrà licenziato la settimana prossima. Esso è “molto mirato a prevenire l’accumulo di ritardi, che finora non ci sono stati, ma che possono verificarsi nei prossimi mesi”. “Nessuno immagini che sia un ritorno all’indietro, sarà un passo avanti”, ha detto il premier, spiegando che, per fronteggiare le emergenze, “le risorse ci sono: ci sono 4 miliardi nella legge di bilancio”. Di risorse, poi, “ce ne saranno altre, come ho anticipato personalmente al presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker“, ha spiegato Gentiloni.
Ci sono state “voci incontrollate su rischi esagerati” sulle “40 dighe nell’area interessata dal sisma”, ha sottolineato il presidente del Consiglio. Le dighe “vengono verificate, di prassi e d’intesa con il ministero delle Infrastrutture, ogni volta che si verifica una scossa superiore a magnitudo 4”. Più in generale, ha detto Gentiloni, “lo Stato ha mobilitato tutte le sue energie”, dando la priorità a raggiungere le frazioni più isolate. La risposta, che ora conta su 11mila “cittadini esemplari” tra soccorritori e supporto logistico, si è quindi mostrata “all’altezza di un grande Paese”. Insomma, per Gentiloni, “la Protezione civile è un patrimonio italiano che dobbiamo rivendicare e tenerci stretta”. Uno dei passaggi dell’informativa del governo si sofferma sulle accuse di chi sostiene che le istituzioni non abbiano reagito abbastanza in fretta. Su questo “indagherà la magistratura”, ha sottolineato il premier, riferendosi a fascicoli già aperti dalla procura di Pescara. “Il Governo – ha detto Gentiloni – non teme la ricerca della verità”, la quale però “serve a fare meglio, non avvelenare i pozzi”. Bisogna quindi evitare di andare alla ricerca di “capri espiatori e giustizieri”, visto che “la storia è lesta in trasformare i giustizieri in capri espiatori”.

Come detto in apertura, nel suo intervento, il premier ha citato Ignazio Silone, lo scrittore che in libri come Fontamara si è dedicato ai poveri abitanti dell’Abruzzo, sua regione d’origine. Gentiloni ha ricordato che Silone, dopo aver vissuto il terremoto di Avezzano del 1905, “ammoniva con parole amarissime che, passata la paura, la disgrazia si trasforma in occasione per ingiustizia”. “Va combattuto il rischio che vinca una rassegnata disperazione – ha scandito il presidente del Consiglio – ora occorre pensare al rilancio di quei territori. Il governo, insieme alla Protezione civile e all’Anac, sta lavorando per rispondere all’emergenza, soprattutto per dare alloggio e scuole e sostenere le imprese e l’agricoltura”.

Nella notte, intanto, recuperati i corpi di tre uomini, tra loro anche l’amministratore dell’albergo Roberto Del Rosso. Di ora in ora trovati altri cadaveri, tra i quali quello del receptionist Alessandro Riccetti. Undici le persone finora in salvo, ancora 4 dispersi.