Una pattuglia della polizia cantonale ha fermato la scorsa notte, nei pressi di Zurigo, un automobilista italiano in contromano sull’autostrada A3. L’uomo, sessantenne residente in Germania, che sarà denunciato alla magistratura, si era fidato ciecamente delle indicazioni del sistema di navigazione satellitare. La segnalazione della vettura che, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti con tanto di roulotte al traino, si stava avvicinando a Zurigo in direzione di Coira, è arrivata alle forze dell’ordine verso le 3.00. Gli agenti sono riusciti a fermalo prima che provocasse un incidente, indica oggi in una nota la polizia cantonale.

Proprio in Svizzera nel Canton Ticino si sta sperimentando un nuovo apparecchio radar per arginare il fenomeno di chi guida contromano. Si tratta di un rilevatore munito di un sistema di avvertimenti luminosi e collegamenti via radio con la polizia stradale. Da installare all’altezza degli svincoli delle autostrade e  in grado di segnalare in tempo reale se qualcuno si immette in senso contrario sulla carreggiata. In caso di pericolo vengono messi in funzione specifici segnali luminosi e parte una chiamata d’emergenza. E’ ancora nel periodo di prova e a breve si dovrebbe decidere se adottarlo sull’intera rete autostradale elvetica.