Alessio Chiodini, cosa le da’ il teatro?
Passione, emozioni, serenità.

Cosa le piace vedere a teatro? Quali opere?
Sono un tipo molto tradizionale, adoro le commedie di Eduardo ed i grandi
classici, ma credo non sia importante cosa si faccia a teatro, ma “come” lo si
fa, e quando lo si fa bene, il pubblico ne gode, a prescindere, è la magia del
teatro.

L’ultimo spettacolo visto?
“Filumena Marturano” al Teatro Quirino di Roma , interpretato da una superlativa Mariangela D’Abbraccio.

L’ultimo show visto?
“X- Factor” , nel mondo dei talent della musica , la fucina di artisti migliore che ci sia.

L’ultimo musical visto?
Non sono un amante dei Musical, raramente vado a vederli a teatro.

L’ultimo quotidiano letto?
“Corriere dello Sport” sono un grande tifoso del calcio, romanista.

Cosa la preoccupa della situazione internazionale attuale?
Sono talmente preoccupato da quella nazionale che non ho tempo di
occuparmene.

E perché?
Perche abbiamo le risorse culturali piu invidiate al mondo , in un involucro
di carta velina.

La notizia che la ha rattristata di più nella vita, letta su un giornale?
Negli ultimi anni purtroppo mi è capitato spesso di leggere di suicidi da
parte di imprenditori che non riuscivano a combattere la crisi, eventi che mi
hanno sempre dato grande tristezza.

Le piace il teatro del gay village? Il teatro gay? Cosa ha visto?
Non sono mai stato al teatro del gay village , non so in realtà cosa si
intenda per teatro gay, io sono per il teatro, il teatro è fatto di storie, se emozionano e appassionano non importa se i protagonisti sono gay o etero.

Segue la situazione in Siria?
La seguo quanto posso, sembra un burrone infinito, spero che prima o poi si
riesca a portare un po di serenità in quei territori, ma dubito che cio avvenga
molto presto.

I suoi prossimi progetti?
Sto valutando delle opportunità, il mio progetto immediato è di laurearmi alla
Facoltà di “Lettere e spettacolo” della Sapienza di Roma, visto che sto
ultimando la tesi, poi si vedrà cosa ci offre l’orizzonte, il mio sguardo è
sempre vigile.

In caso di guerra, dove riparare?
Dovrei chiedere ai miei nonni, purtroppo non ci sono più.

Dove è andato in vacanza l’ultima volta?
Sono stato in Grecia, nell’isola di Mykonos, meravigliosa.

Cosa le piace della gente?
La generosità e l’intraprendenza.

Il popolo più festante che abbia mai incontrato?
Quello napoletano, senza dubbio.

Il suo teatro preferito?
Il teatro San Carlo di Napoli.

Cinema o televisione?
Il fascino del cinema è unico.

Amico gay o eterosessuale?
Ne ho molto cari di entrambe le preferenze sessuali, rispondo “Amico”, che è
l’essenziale.

È stato mai tradito?
Si , nel modo peggiore.

Situazione sentimentale, è sposato?
Dopo molti anni di fidanzamento, sono single da un pochino.

Cosa fa di bello oltre a recitare?
Il calcio è la mia altra grande passione, lo vedo , lo gioco , lo tifo. Mi
piace passeggiare per il centro di Roma, stare in buona compagnia o solo con me
stesso.

Ha mai scritto un libro?
No , non ho una grandi velleità da scrittore, per ora.

Il suo ruolo più bello?
Un Rugantino fatto alcuni anni fa, fu l’unico ruolo che mi fece scoppiare in
lacrime durante gli applausi, perchè non volevo lasciarlo.

Pizza o patate?
La pizza è come la Roma, non si discute si ama.

Israele o Palestina?
Dico Pace, che è meglio.

Cosa le mette più paura?
Non riuscire a condurre una vita che mi faccia sentire soddisfatto.

Ha mai avuto paura in vita sua?
La paura è una forte spinta per la vita, non averla significa andare incontro
all’oblio, io per fortuna l’ho avuta diverse volte.

Ha bambini? Cosa racconta loro?
Non ho bambini, ma vorrei averne in futuro.

Cosa leggere? Cosa consiglia?
Amo molto le biografie, quella di Pablo Neruda , “Confesso che ho vissuto” è
sublime.

Cosa vedere in televisione?
Ad ognuno il suo, la televisione è fatta per questo.

Le piace il rock?
Non sono un fan.

La vita è rock o è lenta?
Credo che ci vogliano buone dosi di entrambe, d’altronde sono una Bilancia.

Caffè o te’?
Senza caffè non potrei vivere.

I suoi sogni?
Molto elaborati, cinematografici, spesso mi sono rammaricato di essermi
svegliato, e non solo perche mi piace dormire.

Se diventasse miliardario, cosa farebbe?
Tanti viaggi, una bella casa, un teatro e una Batmobile.