Lo continuano a ripetere tutti: «C’è ancora speranza». Ma la verità è che dopo il miracolo di ieri, quelle voci che imploravano aiuto – «siamo qui, siamo qui» – sull’albergo sommerso di neve è sceso di nuovo il silenzio. Da questa mattina non si sentono più voci. Altre due persone sono state trovate morte. E come se non bastasse le condizioni del tempo sono sempre più proibitive. Nella notte sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell’hotel Rigopiano, l’albergo di Farindola, in provincia di Pescara, travolto da una valanaga mercoledì scorso. Gli ultimi quattro sopravvissuti, Francesca Bronzi, Giorgia Galassi, Vincenzo Forti e Giampaolo Matrone, erano stati estratti nella notte fra venerdì e sabato: ora sono 9 i salvati dalle macerie della valanga, oltre ai due che quando è arrivata la valanga erano fuori dall’hotel e sono sopravvissuti. Dopo il resort ha restituito solo morti. Ai primi due corpi recuperati, quello del maitre dell’hotel Alessandro Giancaterino e del cameriere Gabriele D’Angelo, si sono aggiunti Nadia Acconciamessa e Sebastiano Di Carlo, genitori del piccolo Edoardo, che si è salvato, e Barbara Nobilio, 51 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), che era in vacanza con il marito, di cui non si hanno ancora notizie.

Sono cinque dunque finora le vittime accertate, ma tutti sanno che è un numero parecchio a ribasso, considerando che mancano all’appello ancora 22 persone, quelle che il burocratese chiama «dispersi segnalati», vale a dire coloro che erano nella lista ufficiale degli ospiti, i dipendenti e persone che non soggiornavano in hotel ma la cui presenza è stata segnalata da amici o parenti.

«Continuiamo a lavorare con grande determinazione, grande forza, grande professionalità e con ogni mezzo per trovare le persone che sono lì sotto», ha detto anche oggi il viceministro dell’Interno Filippo Bubbico, sottolineando che tutti i soccorritori «continuano a coltivare la speranza, così come abbiamo fatto quando c’era chi pensava che non ci fosse nessuna speranza. Ieri, pur in assenza di segnali, sono state trovate persone. E il fatto che non ci siano rumori non significa alcunché, perché le squadre di soccorso hanno raccontato di aver rotto delle murature che impedivano l’accesso. La cosa fondamentale è continuare a scavare».

In realtà qualche rumore i Vigili del Fuoco e gli uomini del Soccorso Alpino e della Guardia di Finanza lo hanno sentito. «Abbiamo altri segnali da sotto la neve e le macerie – ha spiegato il funzionario dei pompieri Alberto Maiolo – e stiamo verificando. Potrebbero essere persone vive ma, anche, le strutture dell’albergo che si muovono sotto il peso della neve». E purtroppo, dicono molti di quelli che scendono dalla montagna, l’ipotesi più probabile è proprio questa. Senza contare che in tutta la zona in cui una volta c’era il Rigopiano bisogna «muoversi con molta cautela, perché lo stato dei luoghi è pericoloso anche per noi». Tradotto significa che i soccorritori, lassù a 1.200 metri d’altezza, stanno lavorando in condizioni estreme: da ieri la neve si alterna alla pioggia, rendendo ancora più pesante quell’enorme blob di neve, detriti e alberi sradicati che ha sommerso l’hotel.

Il rischio valanghe è salito a 4 su una scala di cinque, rischio forte, e non è affatto escluso che l’intera slavina possa rimettersi in movimento. Per questo, chiunque arrivi lassù per lavorare deve indossare l’Arva – lo strumento che consente di essere localizzati sotto le valanghe – e deve registrarsi prima di entrare nell’area di ricerca. In caso di problemi, almeno si sa chi è dentro e chi è fuori.

«Procediamo a zone, non andiamo avanti a caso – spiegano gli uomini del soccorso alpino -. Ma non sempre è semplice capire dove erano le cose e le persone, perché c’è stata una rotazione dell’intera struttura». Non è facile, già. Ma nessuno molla, perché fin quando non si avrà la certezza assoluta che non ci sia più niente da fare, ognuno di quelli che imbocca la strada che porta all’hotel spera più di ogni altra cosa di sentirle ancora, quelle voci.

Nell’Angelus anche Papa Francesco ha rivolto un pensiero alle vittime del sisma e del maltempo e ha ringraziato le persone impegnate negli aiuti:  “Sono vicino con la preghiera e con l’affetto alle famiglie che hanno avuto vittime tra i loro cari. Incoraggio quanti sono impegnati con grande generosità nelle opere di soccorso e di assistenza; come pure le Chiese locali, che si prodigano per alleviare le sofferenze e le difficoltà”.