“Bene, bambini: prendete carta e pennarelli e disegnate una chiesa”. Siamo a Firenze, in prima elementare, quando una maestra chiede ai propri allievi di sei anni di disegnare su un foglio l’edificio religioso. Tutti eseguono il compito assegnato, tutti tranne Vittorio. Che consegna alla maestra il suo disegno: sul foglio però nessuna chiesa, bensì Federico Chiesa. Il calciatore della Fiorentina, cresciuto nel vivaio viola ed esploso in questa stagione sotto la guida di Paulo Sousa. Già, siamo a Firenze e l’amore per i colori viola è davvero viscerale.
Tanto che Vittorio, quando ha sentito la richiesta della maestra, non ci ha pensato su due volte. “La maestra ha detto di disegnare Chiesa – quel che ha detto Vittorio al padre Dario come riportato da violanews.com – e io l’ho disegnato. Chiesa, il calciatore della Fiorentina!”. Diciannove anni compiuti lo scorso 25 ottobre, un talento cristallino e già idolo della tifoseria viola: Federico

Chiesa, figlio d’arte di Enrico (a sua volta ex viola) è entrato nei cuori dei tifosi della Fiorentina. Di ogni età, a giudicare dal disegno di Vittorio. E chissà cosa avrà pensato la maestra, quando guardando il disegno avrà notato che “Chiesa” era stato scritto correttamente in stampatello e corsivo, certo, ma che al posto dell’edificio di culto c’era un giocatore vestito di viola, scarpini rossi, e un sorriso grande così.