Così come la Juventus, nel recupero infrasettimanale, anche la Roma fa il suo dovere a Crotone. Medesimo risultato (0-2), rischiando solo in un’occasione. Un gol per tempo: Nainggolan nel primo e Dzeko (al 18° gol in campionato) nel secondo. Lo stesso bosniaco nella prima frazione di gioco aveva sbagliato un calcio di rigore quando ancora il risultato era di parità. E nelle interviste del post partita ha promesso di non calciarne più… I giallorossi salgono a quota 53 punti, sorpassando nuovamente il Napoli (terzo a 51) e attendono il risultato della gara della Juve, impegnata stasera al Sant’Elia. I bianconeri, al momento, sono primi con 57 punti (+ 4 sulla Roma)

CROTONE-ROMA 0-2 40′ p.t. Nainggolan (R), 32′ s.t. Dzeko (R)

Al 20′ della ripresa, il tecnico delle Roma Luciano Spalletti si è completamente disinteressato alla prestazione dei suoi per guardare nel settore dei tifosi rossoblù dietro di lui. Alcuni supporter calabresi, infatti, stavano insultando l’allenatore giallorosso, che dopo qualche minuto ha deciso di rispondere in maniera molto particolare. Spalletti si è girato verso i tifosi e, senza dire una parola, li ha fissati ininterrottamente per 2 minuti. I primi insulti sono partiti dalla Curva Sud del Crotone. Gli ultras rossoblù hanno iniziato ad intonare cori offensivi come “Spalletti vaff…” e “Spalletti tagliati i capelli“.