Il sindaco Raffaele Scarinzi

Per impedire l’arrivo di nuovi immigrati nel suo paese, un sindaco ha chiuso la strada con un’ordinanza e ha fatto scaricare una massa di terra per bloccare l’unica via d’accesso alla struttura ricettiva.
E’ accaduto a Vitulano, in provincia di Benevento, dove il primo cittadino, Raffaele Scarinzi, afferma: “Con gli immigrati bisogna che lo Stato rispetti i patti e le regole con gli enti locali. I comuni che già ospitano uno Sprar non possono ospitare altre strutture per immigrati gestite da privati”.

Vitulano ha già un sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati ma nei giorni scorsi, dopo la chiusura di un altro centro in periferia di Benevento, era stato disposto dalla prefettura il trasferimento di altri 34 migranti. I rifugiati avevano protestato perché a loro avviso la sistemazione non era adeguata. Ma anche i cittadini di Vitulano avevano contestato la scelta di destinare altri migranti in paese.
Così il comune è intervenuto con l’ordinanza sindacale che è stata eseguita scaricando una massa di terra sull’unica via di accesso – la strada comunale Castello /Arnara – alla struttura ricettiva. “Ma dopo un’ora l’abbiamo tolta – dice il sindaco – saranno stati non più di 30 centimetri di terreno. Chi parla di muro commette un errore. Qui non si alzano muri, era solo un modo per far capire che c’era un’ordinanza da rispettare”. La terra che impediva il passaggio per motivi di sicurezza – sia per i danni dell’alluvione del 2015 sia per l’andirivieni continuo di mezzi – è ora accumulata sul ciglio della strada e le transenne sono stata spostate.
In serata la retromarcia parziale. Secondo quanto fa sapere il vice sindaco Antonio Iannella (Pd) è stata raggiunta un’intesa con la Prefettura sul numero di migranti da ospitare, passato da 34 a 12.
A chiudere la questione il prefetto di Benevento, Paola Galeone, ha disposto la chiusura della struttura privata di Vitulano destinata all’accoglienza dei migranti. I migranti, secondo quanto apprende l’Ansa, sono stati destinati ad un altro centro di accoglienza in un Comune della provincia del quale non è stato reso noto il nome.
A settembre il sindaco di Vitulano aveva guidato la rivolta dei comuni virtuosi che aderiscono alla rete Sprar, facendo integrazione e accoglienza, ma poi senza essere interpellati si trovano sul proprio territorio altre decine di migranti in strutture temporanee prefettizie. “Siamo ormai degli incubatori di rifugiati”, tuonava Raffaele Scarinzi. Oggi spiega: “Abbiamo la cultura dell’accoglienza, ma deve essere sostenibile. Qui da noi i migranti stanno meglio che altrove, ma se lo Stato non rispetta i patti è legittimo protestare”.

E intanto interviene su Facebook il segretario della Lega e presidente NcS Matteo Salvini: “Il sindaco di Vitulano (Benevento) ha chiuso una via comunale, facendo scaricare una massa di terra per bloccare la strada, per evitare l’arrivo di nuovi immigrati previsto dalla prefettura. Per qualche buonista ha sbagliato, per me ha fatto bene! Il sindaco è del PD: razzista, populista e leghista anche lui..? Comunque sarò appena possibile a trovare i cittadini di Vitulano”