Roberto Baggio compie 50 anni e li festeggia tra i terremotati. “Essere qui è molto emozionante, volevo rendermi conto da vicino cosa volesse dire”, così l’ex calciatore subito dopo l’arrivo nella cittadina laziale. Una scelta maturata in sordina una settimana fa, lontano dai riflettori, che lo porta nelle zone di Amatrice e Norcia, colpite dalla sequenza sismica a partire dal 24 agosto. Il fuoriclasse di Caldogno è partito in mattinata insieme alla sua famiglia: prima tappa all’interno del piccolo container che dopo il sisma ospita l’ufficio del sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi. Poi ha visitato la sede di Radio Amatrice, la radio dalla quale ogni giorno il sindaco comunica con i cittadini, e in seguito la mensa nella tensostruttura della Protezione civile, per il pranzo insieme alle persone sfollate e ai volontari. Il pomeriggio sarà dedicato soprattutto ai bambini e ai ragazzi. Infine, nelle intenzioni di Baggio, dovrebbe essere prevista una sosta anche a Norcia. ” Per capire cosa è successo bisogna vederlo. Le immagini della televisione non rendono”, ha commentato.