Non c’è pace per il Centro Italia. Una scossa di terremoto di magnitudo 4 è stata registrata alle 4:13 nel nordovest della provincia dell’Aquila. Il sisma è stato chiaramente avvertito dalla popolazione anche nelle Marche e nel Lazio. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 11 km di profondità ed epicentro 3 chilometri da Montereale e 14 da Amatrice, in provincia di Rieti, che è stata l’epicentro del sisma del 24 agosto 2016. E proprio da quella data si sono susseguite le scosse in tutta la zona.

Alle 3:57 una scossa di magnitudo 2.5 era stata registrata invece a 3 chilometri da Montecavallo, in provincia di Macerata, al centro di uno sciame che ha registrato numerosi fenomeni in poche ore ma tutti di scarsa entità. Nella serata di domenica, anche ad Ascoli Piceno si è registrata una scossa di magnitudo 2.8. Per nessuno di questi eventi sono state registrate segnalazioni di nuovi crolli.

Proprio domenica a Norcia sono state consegnate le prime casette per i terremotati. E intanto il censimento dei crolli riferisce che una casa su due, nelle zone al centro dei fenomeni sismici, è stata resa inagibile.