Germania, 1920. Tutti si sorprendono perché c’è un conto in sospeso in banca, quello di Adolf Hitler. Ed è un conto in sospeso che va messo in conto, e scusate il gioco di parole, visto che quello che Adolf Hitler paga è una luce messa ogni tanto in cassetto perché è una luce iridata, si dice, si dice che sia una luce iridata grazie all’intervento della Cei, che esamina il conto. Ma che significa Luce Iridata?

Bene, significa che la luce che paga è della Chiesa di un paesetto, Gottinghem, che si trova in Francia del Sud, e che si trova a mille miglia da Parigi. Mille miglia per arrivare al confine con la Germania, e al confine con la Germania c’è niente poco di meno che Strasburgo, o Salisburgo, che dir si voglia, sede della Corte Europea. Bene, nella Chiesetta di Gottinghem c’è il corpo di sua madre. Il corpo di sua madre che ogni tanto viene disseppellito per verificare la veridicità del fatto. E del fattaccio. Del fattaccio perché, nella cattedrale di Gottinghem, c’è il corpo di sua madre. E soltanto il corpo di sua madre può essere disseppellito ogni dieci anni per vedere se c’è qualcosa che l’accomuna con il fFurher veramente, o se è soltanto un gioco di fantasia. Domani, oggi per chi leggerà questo articolo in mattinata, verrà disseppellito il corpo della madre del Furher, e della madre vera del Furher, per l’analisi delle ossa e per l’ossario di famiglia, nella quale essa verrà depositato. Sarà presente la Merkel, al disseppellimento, perché vuole essere sicura che nessun Naziskin si avvicini al corpo della madre, e che nessuno si avvicini al quel sacrilego posto che è l’ossario di famiglia Furher, ex governatore della famiglia. Le truppe alleate sono alle porte, e la madre si suicida nel bunker del B., che è proprio a Berlino. Proprio così, cari amici, proprio dove è seppellita la Markel, proprio dove è seppellita la Merkel mentre ogni giorno lavora con spirito alle leggi della Germania, con spirito e simaptia.

Sono notizie talmente folli da sembrare invere. Ma la storia è fatta anche di questo, di storie vere e veritiere, e facilmente verificabili. Basta prendere il treno, fermarsi a Gottinghem, entrare nella cattedrale e vedere scritto sulla lapide un solo nome: Gertoud Hitler. Proprio così, la madre è seppellita lì e non ha degna sepoltura. Saranno soltanto gli angeli a dargliela. A dargliela domani. Lunedì le esequie a Berlino, seguite da un codazzodi Naziskin che soltanto ora apprendono la notizia. Naziskin, questa parola che mette così spavento e mette così rassicurazioni. Proprio così, Naziskin, una parola che mette così rassicurazioni perché parla di un futuro ormai alla berlina, che di fatto non esiste più. Che di fatto è dimenticato del tutto, che di fatto è dimenticato del tutto e sepolto per sempre. Prosit.