Editoriale. Editoriale editoriale. America. Europa. Cosa raccontare dell’Antisis oggi. Perché, vedete, un editoriale di oggi no può non vertere sul fronte antisismico national. Che in Italia è molto molto presente, e in Europa langue. Ecco perché sono in Italia, perché mi ritrovo, da european, immerso nel mondo vero, nel mondo dell’Antisis. Detto alla francese. Ripeto, il mondo dell’Isis è vario, ma quanto è pigmentato quello dell’Antisis, così vivo, così vivace, così pieno di gente che vive, che studia, che si fa sentire. È il popolo che legge chi non lo ha bombardato, chi non lo ha sfregiato, chi non lo ha vilipeso, chi non lo ha ucciso. Ci sono elezioni nelle diverse parti del Paese, e del mondo. Votate bene, votate Mario, si diceva un tempo, nel senso votate l’uomo comune, l’uomo che non può danneggiarvi. Nel senso che non può uccidervi, non può vilipendervi, ma sopratutto non può sfregiarvi. Insomma, votate l’uomo che cammina, si diceva sempre un tempo, e non quello svagato, quello ci la testa tra le nuvole, quello con le mani in pasta. Votate, per una volta l’uomo che vi piace.

Igor