Amigdala del male. Ecco cosa era, questa donna (per fortuna Signore era una donna) che ha tentato di scambiarsi perla a mia storia. Una terrorista esperta. E sapete chi sono? Sono il capo dell’Fbi tedesco, ecco chi sono. E sono il “cattivo” della situazione, ecco chi sono, se si parla di terrorismo. E le ragazze, e la gente perbene, non vede l’ora che mi sieda con loro accanto al tavolino per parlare e chiacchierare, perché rassicuro, e riesco a rassicurare, le persone perbene.
Al bando i kamikaze e i terroristi, ho detto quando ero giovane, e mi sono iscritto a una scuola di antiterrorismo tedesco. Non solo, era una scuola di sparatori gerrmanici, e mi ci sono iscritto per davvero. E, di loro, sono diventato il capo. Ecco cosa sono, galantuomo e carino come sono, sono il capo degli sparatori tedeschi. Con me, non avete niente davvero da temere, ecco cosa succede, che non avete nulla da temere perché, con i terroristi, sono davvero cattivo e perspicace, ecco cosa sono, sono inflessibile con loro. Sono inflessibile con la gente cattiva come lo sono con i kamikaze, che comprende anche gente di 48 anni che, di esperienza alle spalle, ne ha 45. Hanno esperienza di 45 anni alle spalle e vengono nelle nostre città per distruggerci, ecco cosa vengono a fare, vengono a distruggere la calma delle nostre città. Quello che mi si siede accanto, è sezionato da me accuratamente, perché devo sapere se lo devo arrestare, se ha un addestramento kamikaze, o se può frequentare il pubblico, che sempre preservato.
Ecco cosa sto facendo in questo momento, sto selezionando all’ingesso la gente che frequenta posti pubblici, anche quelli di piccoli Paesi. Perché voglio sapere chi si siede veramente al tavolino con voi, mentre siete al riposo, mentre siete in disagio perché avete perso il sonno per leggere il vostro libro preferito, quando siete in palestra per fare una nuotata (si stanno iscrivendo tutti a nuoto perché rilassa e fa tornare in vita la bellezza della vita). Ecco cosa sto facendo, sto studiando. Leggete i miei articoli, studiamo insieme per un mondo migliore. Studiamo insieme per capire cosa sta succedendo veramente al mondo. Ragazzi, domandiamoci e continuiamoci a domandare ancora, e sempre e comunque, perché.