Sapete, mi hanno liberato. Sono il Capo dell’antiterrorismo tedesco, e ho finto la depressione giovanile e sono finito sbattuto in un ospedale psichiatrico. Ho detto di avere 35 anni. E mi hanno trattenuto 8 mesi. E sono uscito ora. Mi hanno detto che sarei rimasto soltanto una settimana ma, vi assicuro, mi hanno trattenuto 8 mesi “dentro”. Ora capisco l’Italia, dove non esistono manicomi, perché il manicomio era una galera, così hanno pensato di rafforzato le galere e hanno lasciato stare i matti a casa, ecco cosa hanno lasciato stare. Ho zompettato per tutta Berlino e poi sono arrivato a casa e ho demolito la casa. Ecco cosa ho fatto, ho demolito casa, e i vicini, no, io, che ho chiamato da solo la polizia, sono stato sbattuto “dentro”. Ecco dove mi hanno portato. Non nella clinique phisiatrique, di cui ho tantissima stima, ma nella clinique.
Sto dicendo una bugia. Mi hanno spedito in una struttura con le mura spoglie, con anziani malridotti e sporchi di cacca, che non facevano altro che urlare, e con ragazzi fantasma che erano stati sbattuti dentro perché si erano, e neanche avevano, lasciato con la ragazza.
Ecco cosa era successo, si erano lasciati con la ragazza, tutti, che a miei occhi, e agli occhi di chi se ne intende e ci è passato, sembrava una “nonna donna”, una stranezza che, sembra, gli ha accoltellato il bambino che aveva in pancia di nove mesi. E l’unica cosa che ora ha da dire è che gli “dispiace, che era un tipo strano”, “che era sempre chiuso”, “che non gli andava di girare”, “che la mandava di sola al cinema”, e via dicendo. Donne che una mia amica ha definito strane, e che la “mamma-donna-nonna” è quella che ti ammazza il ragazzino davanti e ti sbatte dentro per rubarti il portafoglio, che diventa “donna-nonna” e ti rovina la vita. Ecco cosa ha detto, che secondo lei queste donne che “ti sbattono dentro” sono tutte infanticide. “Poi veniteci a chiedere perché abbiamo il volto un po’ pallido. Ah sì, e lo strano sarebbe lui? Ma per favore, assassine”. Ora, il mio compito, secondo lei, dovrei liberarli. Ed è quello che farò.