Bambini, noi vogliamo di più ecco cosa vogliamo, vogliamo di più. Vogliamo viere bene, e vogliamo vivere davvero bene, e vogliamo vivere come pochi bimbi al mondo. Vogliamo vivere come principi e principesse, e vogliamo vivere dolci come il miele e dolci come Misha e l’orso tutto il giorno. Ecco la vita che ci proponeva la nostra mamma ,una vita dolce come Misha e l’orso. Una vita all’avventura nel giardino, all’avventura dall’amichetta di casa, dove l’unica che vive, e che regna, e che comanda, è la fantasia. Mia madre, dice una di noi bambine, è stata scansata dai tempi, da donne impossibili e chirurgate, che non hanno mai fatto parte della sua fantasia e del suo ambiente. Un ambiente fatto di giochi a carte, di pinacoli e caldi e scaldati da un caminetto, e da partite a scacchi calde e rassicuranti, illuminate e scaldate da un caminetto. Ecco cosa gli stavano rovinando, il calore di un caminetto. Noi guardiamo il caminetto e diciamo, bene, anche noi vogliamo il calore di un caminetto, il calore di una casa vissuta e bellissime, diroccata anche, magari povera e non miliardaria, ma riscaldata dalla nostra fantasia. Ci potete rispondere, le vostre mamme come sono? La mia è, e non era, perché la fantasia calda, ovattata e calorosa, e rassicurante, non può morire, non muore mai. Ecco perché siamo in salute e le nostre guanciotte sono simpatiche, perché viviamo nel meraviglioso mondo Disney, nel regno della fantasia. Al bando le chirurgate. Lasciateci la nostra fantasia.