Gaza, Palestina, Israele, Jugoslavia, America. Cosa succede nel mondo? Cosa sta succedendo in verità nel mondo, perché tutto questo fervore nel pianeta Terra? Semplicemente perché si sta votando per un popolo libero, libero da compromessi e libero da Jiijad. Seguiremo attentamente quello che succede in Inghilterra, ecco cosa faremo. Seguiremo attentamente quello che succede nel mondo e vedremo quello che succede realmente nelle piazze, nelle strade e nei sobborghi cittadini mentre si vota in maniera autoctona. Mentre si vota in maniera autoctona e si vota per bene. Ecco cosa sta succedendo nel mondo libero, quindi, che da Trump in poi si vota, e questa è una notizia. Una notizia che fa scalpore. Che fa scalpore in tutto il mondo. Che fa scalpore come fanno scalpore certe serate mattutine nel Minnesota, così ci esprimiamo noi in America, che fanno scalpore in tutto il mondo. Che fanno scalpore perché è tutto un recalcitare di emozioni buone, e di emozioni sincere. Ecco cosa sono le nostre serate mattutine in Minnesota, sono come le nostre emozioni, libere. Lotteremo per un mondo libero da inconvenienti, e lotteremo per davvero per un mondo libero da inconvenienti, perché ci piace la vita moderna e vogliamo esssere tenuti a parte da questo mondaccio che l’Isis (ragazzi, erano veramente tanti, erano veramente arroganti, e ci stavano veramente addosso, e veramente si erano allargati nei confini iracheni senza paura) stava disegnando. Un mondaccio di assassini. Un mondaccio di assassini dal quale ora siamo liberi, liberi da ogni inconveniente. Al bando l’Isis dalle nostre città – gli attentati ci sono bastati per davvero – e avanti con le nostre buone proposte. Stiamo camminando, stiamo camminando in città libere. Come recita la canzone di Marco Mengoni: “Liberi”.