TORINO, Furto con strappo, arrestato marocchino

Un marocchino di 30 anni, con precedenti per reati contro il patrimonio, è stato arrestato per furto con strappo dagli agenti della Squadra Volante. Lo straniero, intorno all’una di notte, ha sottratto il cellulare a una ragazza mentre quest’ultima era al telefono camminando in via Nizza. Dopo essersi impossessato dello smartphone, l’uomo si è dato alla fuga nelle vie del quartiere San Salvario dove, però, è stato seguito dalla vittima e da un passante che, nel frattempo, avevano avvertito Polizia dell’accaduto.

Gli agenti della Squadra Volante hanno intercettato il trentenne in via Sant’Anselmo e dopo un breve inseguimento hanno fermato lo scippatore in via Belfiore. Il reo, nel corso della fuga, si è disfatto della refurtiva, lanciando il telefono sotto un’auto parcheggiata. Gli agenti hanno poi recuperato lo smartphone e lo hanno riconsegnato alla legittima proprietaria.

TORINO: Pusher senegalese arrestato dalla Polizia di Stato ai giardini Cavour

Un senegalese di 23 anni, irregolare sul territorio nazionale e con precedenti a carico, è stato arrestato dagli agenti della Squadra Volante nei giardini Cavour. Lo straniero è stato trovato in possesso di 23 dosi di crack e di una discreta somma di denaro contante. Dagli accertamenti è emerso che il ventitreenne senegalese era irregolare sul Territorio Nazionale per non aver ottemperato a un Ordine di espulsione del Questore di Torino emesso ad ottobre 2016.

TORINO, Ruba una bici, arrestato

Come rubare una bici e non passare inosservati si potrebbe dire. Il fatto è accaduto giovedì in pieno pomeriggio in corso Vittorio Emanuelle II angolo vi Sant’Anselmo. Dei passanti hanno visto un uomo, un italiano di 42 anni con precedenti a carico, armeggiare vicino a una bicicletta. In particolare, il quarantaduenne, incurante delle persone che passavano di lì, stava colpendo ripetutamente con una pietra la catena antifurto della bicicletta, in barba al fatto che poteva essere notato. L’uomo dopo aver rotto il dispositivo l’antifurto si è allontanato con la bicicletta ma nel frattempo i passanti avevano già avvertito la Polizia. Grazie alle indicazioni sulla direzione di fuga e alle descrizioni del ladro, gli agenti della Squadra Volante hanno fermato e arrestato il reo in Piazza Madama Cristina.

TORINO, Polizia 🚨 di Stato un barriera, arresti a tutto campo

Nell’arco di poche ore sono stati diversi gli interventi della Polizia di Stato tra le vie Pietro Cossa-Malone e i corsi Giulio Cesare-Palermo nell’arco di poche ore.

Un sinistro stradale sfociato in lite. Una lite a colpi di chiave poligonale. Gli agenti della volante, durante la loro consueta attività di prevenzione e repressione dei reati, intorno le ore 18 di mercoledì, sono stati avvicinati da un passante che ha richiesto il loro intervento in corso Giulio Cesare angolo via Feletto. In seguito ad un incidente, l’autista del mezzo tamponato, un cittadino senegalese di 51 anni, è sceso dall’auto e con fare minaccioso, impugnando una chiave poligonale lo ha colpito. La controparte, un albanese di 34 anni, ha rapidamente sottratto dalle mani l’attrezzo contundente per difendersi a sua volta. Entrambi i soggetti sono stati denunciati per il reato di lesioni aggravate.

In corso Palermo angolo via Malone un cittadino marocchino del 1989 ha opposto resistenza agli agenti intervenuti in seguito ad una rapina. Anche in questa situazione è stato un passante a segnalare l’accaduto alla pattuglia del Commissariato di zona. Gli operatori hanno ritracciato immediatamente il soggetto e dopo una breve colluttazione sono riusciti a fermarlo. Nelle mani del ventisettenne è stata rinvenuta una collanina d’oro spezzata. Il ragazzo è stato denunciato per i reati di rapina, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Gli agenti dell’Ufficio Polizia Giudiziaria transitando in via Pietro Cossa hanno notato un soggetto, che alla vista dei poliziotti si è immediatamente dato a precipitosa fuga. Il ragazzo, un cittadino marocchino di venticinque anni, durante la folla corsa ha tentato di disfarsi di un mazzo di chiavi che gli operatori hanno rapidamente recuperato per poi continuare l’inseguimento. Lo straniero, fermato in Strade Basse di Dora, aveva nelle tasche circa 400 euro in contanti e due telefoni cellulari. All’interno dell’abitazione circa 25 involucri di sostanza stupefacente ed un bilancino di precisione. Il giovane, pluripregiudicato, è stato tratto in arresto per detenzione di droga. Infine, gli agenti di Barriera Milano hanno arrestato tre cittadini, in differenti contesti, anche nell’ambito di controlli straordinari del territorio con il Reparto Prevenzione Crimine. Un nigeriano di 45 anni, un gabonese di 38 anni e un rumeno di 35 anni avevano a loro carico ordini di carcerazione. Tutti e tre dovranno scontare la pena della reclusione di circa sei mesi per reati contro il patrimonio.