Mercoledì 28 Giugno, alle ore 21.30, in occasione dell’apertura straordinaria di Gay Village Fantàsia, sarà la transgender più famosa d’Italia Vladimir Luxuria a salire sul palco Amarganta per presentare il suo ultimo libro Il coraggio di Essere una Farfalla, ed. Piemme, scritto con Stefano Genovese, a condurre la serata Pino Strabioli, padrone di casa degli appuntamenti culturali al Parco del Ninfeo. E’ un ritorno atteso, quello di Vladimir Luxuria che torna al Gay Village, dopo i quattro anni passati nelle vesti di direttrice artistica della Kermesse arcobaleno, e torna da amatissima e graditissima ospite. Sul palco con Pino Strabioli, ci accompagnerà nel suo volo di farfalla in alta quota sul mondo, per avere un punto di vista tanto disincantato quanto estremamente profondo di chi, durante tutta la sua vita è stata sempre se stessa senza paura di disattendere le aspettative altrui, per farci scoprire che “Il mondo non è fatto solo di diversi colori, ma di un numero infinito di sorprendenti sfumature”.

Dopo la presentazione del libro di Luxuria, salirà sul palco, Giordana Angi, ultima scoperta di Tiziano Ferro, con cui ha condiviso l’impegno nell’organizzazione del Lazio Pride, eseguendo la sigla ufficiale. La cantante di origini franco-italiane, sarà accolta dalla padrona di casa Kristine VonTrois.

“Sono onorata di aver avuto la possibilità di scrivere questo pezzo per il primo Gay Pride di Latina, che reputo fondamentale per tutte le persone che come me vivono nella regione Lazio. BAMBAM é un brano che per me rappresenta la libertà di amare e amarsi, sottoforma di leggerezza e divertimento. Mi auguro diventi un tormentone per ogni pride, non solo il nostro”. Racconta la cantante. Per ora Giordana ha all’attivo, prodotto dallo stesso Ferro, il lavoro Chiusa Con Te (XXX), che ha già presentato al Gay Village e dove torna con i brani Qui ed Ora e l’ultimo nato BAM BAM, che ha risuonato forte insieme alle mani della gente per le vie di Latina. Giordana infatti, è la voce ufficiale del corteo laziale che ha sfilato a ritmo della sigla scritta con la benedizione dello stesso Ferro, impegnato a sua volta nel sovvenzionare il pride. Lo stesso Tiziano di lei afferma: “Ho conosciuto Giordana grazie ad un demo che lei stessa mi inviò due anni fa. Rimasi subito colpito. Giordana è autrice, interprete, dj, musicista. Fuori dai generi, sembrerebbe quasi un’artista britannica ma ha origini franco-italiane. Le sue canzoni sono oneste, solide e senza filtro alcuno, ispirate dall’esigenza di raccontare la realtà così com’è, dentro e fuori di lei. Abbiamo molto lavorato durante questi due anni e sono convinto Giordana possa rappresentare una bella ventata d’aria fresca nel panorama della nuova musica cantautorale italiana”. TIZIANO FERRO.
BIOGRAFIA EVA GRIMALDI: Nata in Francia da mamma bretone e papà romano, Giordana inizia a volare sin da bambina, in compagnia della mamma, assistente di volo. La sua infanzia è caratterizzata da un’alternanza di viaggi e luoghi diversi, in cui spesso la famiglia si muove all’unisono. Si trasferiscono ad Aprilia e le continue partenze e i ritorni segnano la piccola Angi, che decide di costruirsi una piccola ed intima stanza dentro di sé, che va a ritmo di musica con il suo cuore. Aprendo le porte della Musica, Giordana comincia a scrivere, cantare, suonare, senza mai fermarsi, dando luogo ad una vera e propria solitudine creativa in cui si è rinchiusa preparando la maturità e ascoltando i capisaldi del jazz internazionale. A 18 anni si iscrive, da sola, a Sanremo Giovani, a cui riesce a partecipare senza la presenza di un’etichetta discografia. E’ Gianni Morandi a dirigere l’orchestra sanremese di quell’anno. Il cantante bolognese ha pochi dubbi: Giordana Angi farà parte dei giovanissimi di quell’edizione… non accadeva da ben 66 anni! A seguito della sua partecipazione al festival, la firma con la Warner non l’aiuta. Mutano le cose, come cambia anche la sua scrittura… Passano i giorni ed è sempre più convinta dai suoi amici, che Tiziano Ferro è la persona che può fare al caso suo. Decide di scrivergli, utilizzando il più classico dei metodi: una lettera scritta a mano, in cui non inserisce nemmeno i suoi recapiti, convinta che Tiziano non la ricontatterà mai. Eppure lui l’ha trovata e inizia con lei una collaborazione lenta e fatta di canzoni. Lei scriveva e lui ascoltava, tagliando il superfluo e tenendo tutto il buono di una cantautrice in erba. Finalmente, nel 2016 esce Chiusa Con Te (XXX), prodotta da Tiziano Ferro. Un lavoro costruito un pezzo alla volta, senza le spalle forti di un’etichetta, ma con tanti amici, forza di volontà e molti salvadanai rotti. Il pezzo parla d’Amore, perché Amore siamo e perché di Amore non si parla mai abbastanza!