David Cameron, ormai e purtroppo ex premier della Gran Bretagna, è stato uno degli uomini più pragmatici ed intelligenti che abbiano governato l’Inghilterra.
Proveniente da famiglia benestante, ha una diretta discendenza con la famiglia reale, è stato il politico più innovatore della Gran Bretagna.
La sua figura è stata di enorme spessore.
Dopo una gavetta passata dentro il Partito Conservatore, David Cameron ne diviene il leader nel 2005 dopo che aveva dato le dimissioni Howard, con il quale Cameron aveva già precedentemente collaborato al Ministero degli Interni.
Sicuramente rimane uno degli uomini più carismatici e pragmatici dell’intera Gran Bretagna.
Da subito un forte innovatore sia per quanto riguarda le politiche ambientali e sociali.
Da molti di sinistra viene accusato di far ciò solamente per prendere qualche consenso in più, mentre da destra è criticato perché considerato troppo filo blairiano.
In realtà le sue riforme vengono ricordate per la molta lungimiranza, non a caso i risultati successivi lo premieranno abbondantemente infatti alle elezioni successive riuscirà a prendere più voti e a formare un governo monocolore di soli conservatori.
La sua più importante battaglia però riguarda la brexit che lo vede coinvolto in prima linea.
Forte sostenitore del remain(rimanere in Europa),posizione avallata anche dalla sinistra, si deve dimettere a seguito dei risultati che lo danno sconfitto.
Infatti il popolo inglese, circa il 52%, pensa di dover per forza uscire dall’Europa provocando il Brexit.