Tiziana D’Aniello, professione?
Faccio la bio-architetta, sono attenta all’efficientamento energetico e interessata a progettare costruzioni che rispettino l’ambiente
Ci racconti la sua professione.
Mi occupo di architettura d’interni ed esterni in ambito bio seguendo i buoni principi del rispetto dell’ambiente, dell’efficientamento energetico che significa risparmio non solo economico ma anche di impatto rispetto al consumo che facciamo delle risorse del nostro pianeta, amo il design e mi occupo di progettazione d’arredamento, mi interessano la radiestesia, la misurazione dell’energia e le geopatie, le problematiche che un ambiente malsano comporta agli individui e che possono essere contrastate attraverso lo studio delle energie sottili
Ci racconti i suoi studi.
Ho conseguito la maturità scientifica, la laurea in architettura per poi specializzarmi tra Napoli, Milano e Bolzano.
Ci racconti la sua biografia in cinque righe.
Sono una persona versatile, curiosa e solare. Ho da poco concluso un’ esperienza da amministratore locale in veste di assesora tecnica nel mio ambito professionale, più la guardo da lontano e più penso che bisogni impegnarsi se qualificati e responsabili, i cittadini devono prestare la loro professionalità per la comunità di cui sono parte. È stato entusiasmante e sconvolgente, interessante e molto formativo. Se tutti ci limitiamo a parlare male della politica e dell’operato altrui senza impegnarci le cose andranno sempre peggio. È facile? No, per nulla ma è necessario. Servono persone competenti che credono in quel che fanno e sono lontane dalle logiche di certa politica.
Cosa le piace fare nella vita?
Mi piacciono le cose interessanti come viaggiare, visitare una mostra, vedere un film, leggere un libro, conoscere persone. Ho una natura curiosa, mi piace sapere, comprendere e approfondire e amo il contatto con la natura. La natura è l’origine, il tutto, il principio vitale da cui scaturisce l’energia che ci circonda. È la realtà con cui vivere in armonioso equilibrio.
Cosa le piace della vita?
Mi piace l’aria fresca del mattino perché porta con sé un nuovo giorno ricco della possibilità di cambiare sempre tutto.
Cosa odia della vita?
Odio la cattiveria e le guerre
Cosa le piace del mattino?
Mi piace l’aria fresca, leggera e rarefatta che avvolge le cose, il silenzio prima della confusione del tran tran quotidiano, quel momento di sospensione in cui tutto è ancora possibile e nulla è veramente deciso finché non accade.
E della sera?
Della sera amo la quiete e la luce che diventa via via più calda e rossa
E dell’architettura?
Dell’architettura mi sono appassionata per la possibilità che dà di catturare lo spazio. Se pensiamo alla progettazione di esterni regala l’opportunità di cambiare visuale ridisegnando ogni cosa mentre in quella d’interni consente di plasmare lo spazio. È una bellissima sensazione quella di cercare l’armonia e “vederla” prima nella mente, poi in un progetto e da ultimo nella realtà. L’architettura è una delle più alte forme espressive dell’uomo, nei secoli testimonia il gusto, le scelte politiche, la conoscenza di tecniche e materiali, il periodo artistico, lo stile letterario. Il modo in cui una società vede, sente e progetta lo spazio, costruendolo, ne rappresenta l’anima.
E del mare?
Del mare amo l’odore, quel misto di salmastro, alghe e indefinito altro che cambia secondo la stagione e ti si attacca alla pelle.
E della montagna?
Anche della montagna amo l’odore, sono una creatura “olfattiva”.
E della femminilità?
Senza dubbio lo charme, è l’essenza della femminilità. Senza charme non c’è femminilità.
Le sue migliori amiche cosa dicono di lei?
Che sono una persona solare
Cosa ama la gente di lei?
Di me stimano la positività e la professionalità, cioè, tradotto sono troppo seria
Cosa odia le gente secondo lei?
Non ne ho idea, la gente è volubile e segue la moda del momento, le intolleranze, i vaccini o qualcos’altro. Non colgo una coscienza civica né dei valori di riferimento, non vedo coerenza. La risposta, in ogni caso, è legata al momento che si vive
Cosa amare di una bella rivista?
Gli articoli interessanti e una grafica fatta bene
Quale è il suo quotidiano preferito?
Non ne ho
E la sua rivista preferita?
Di riviste preferite ne ho avute tante, quelle dell’adolescenza, “Natura oggi” e altre testate sempre in tema naturalistico fino ai vent’anni, “AD” dai ventisei ai trentotto e oggi magazine

Cosa ama del paesaggio?
Se è bello o è brutto
Cosa ama di un bel tramonto?
Di un tramonto mi affascinano la luce e l’energia
Lei ha figli?
No
Quanti nipoti ha?
Quattro
A quale associazione è iscritta?
Credo nell’associazionismo e ho partecipato e partecipo a diverse realtà. C’è ne è una, che mi ha fatto conoscere una cara amica, nella quale mi trovo bene. EnterprisinGirls (www.enterprisingilrs.it) mette insieme imprenditrici, libere professioniste e donne impegnate nel terzo settore. È un network nel quale si lavora insieme per costruire sinergie e opportunità di lavoro per valorizzare il talento.
Il momento più alto della sua carriera?
Bisogna intendersi sull’altitudine…Quando mi hanno chiesto di fare l’assessora, quando ho vinto una gara, quando mi sceglie un committente, di momenti gratificanti ce ne sono diversi. L’importante è non farsi mai prendere dall’ebbrezza dell’altitudine.
Il suo target più alto?
La ricerca della serenità, è l’essenza della mia vita, è la mia ricerca del Graal.
Quale è il suo obiettivo?
Aspiro alla serenità mantenendo fede ai miei principi
Ultima domanda: i suoi prossimi progetti. 💕
Non ho progetti particolari se non quello di vivere in armonia con la natura, gli altri ho smesso di farli quando ho compreso l’imprevedibilità della vita. Progetto volumi e spazi sulla carta ma nella vita ho compreso che non ha senso avere la presunzione di poter pianificare il futuro. 💕