Tutti i giorni alle ore 19.30 su DeAJunior (in esclusiva su Sky, canale 623) “Monchhichi”, la nuovissima ed attesa serie animata in cui tornano protagoniste le famose scimmiette nate in Giappone e diventate cult negli anni Ottanta.
Personaggi icononici grazie anche al grandissimo successo dei pupazzi e dei gadget nati dalla serie e venduti in tutto il mondo, torna nel 2017 in tv il fenomeno “Monchhichi” che ha conquistato il cuore dei bambini di ogni generazione: in questa nuovissima serie sarà Victoria Cabello, il personaggio più cool della televisione italiana a cantare la nuovissima sigla della serie e ad introdurre gli episodi su DeAJunior con delle divertenti clip dal titolo “Aspettando Monchicchi con Victoria Cabello” ispirate al Giappone patria dei Monchhichi, che andranno in onda prima di ogni episodio.
In un mondo magico, colorato e pieno di divertimento vivono i Monchhichi: protagonisti dei nuovissimi episodi saranno Kauri, forzuto ed intraprendente che tuttavia riesce sempre a mettersi nei guai. Il suo carattere solare e la sua innata rilassatezza sono il suo vero punto di forza. La piccola Hanae è il leader del gruppo. Determinata ma al tempo stesso sognatrice, riesce sempre a trovare il lato positivo e una risata in ogni situazione. Ama trovare sempre una soluzione ad ogni problema ed è talvolta molto competitiva: ogni tanto, pur di vincere vuole anche barare. Willow è il tuttofare e l’inventore del gruppo: dotato di grande creatività grazie al suo ingegno riesce a ribaltare ogni tipo di situazione. E’ sempre pronto a dare una mano e ad aiutare il prossimo. Accanto ai tre protagonisti, ci sarà Sylvus il mentore del gruppo, anziana creatura che guiderà i Monchicchi e li aiuterà nelle loro avventure. Aikor sarà invece lo stregone malvagio che cercherà di rubare l’elisir dei sogni ai Monchhichi e a metterli sempre in difficoltà con le sue lucertole un po’ stupide Glitz e Blitz.
Tantissimi saranno gli argomenti ispirati al Giappone, patria dei Monchhichi, che toccherà Victoria Cabello nelle clip “Aspettando Monchhicchi con Victoria Cabello” per introdurre il cartone animato al pubblico di genitori e bambini che guarderanno la serie su DeAJunior: dal karaoke alla cucina nipponica passando per il bon ton a tavola, il trucco e il parrucco, gli oggetti imperdibili della cultura del Sol Levante e le tecniche di conversazione. Oltre a tanti ospiti giapponesi, non mancherà nelle clip una guest star d’eccezione: Silvano, il simpatico cocker di Vicky che diventerà amatissimo anche dai piccoli telespettatori del canale.
La serie è prodotta dalla casa di produzione francese, OuiDo ¡Productions/Technicolor. Le clip “Aspettando Monchhichi con Victoria Cabello” sono scritte da Lorenzo Campagnari e sono prodotte da DeAKids per DeAJunior.
MONCHHICHI
LA NUOVA SIGLA CANTATA DA VICTORIA CABELLO
(Adattamento italiano a cura di Raniero Gaspari)

E’ dolce stare qui nel mondo dei Monchhichi
Ma puo’ entrare solo chi ad un sogno dice sì
Monchhichi
I fiori e gli alberi, i frutti magici
Come i tuoi sogni
Monchhichi
Ti accoglieranno e tu, lassù vedrai Tsuru
Nel cielo blu

VICTORIA CABELLO

Si forma al Centro Teatro Attivo di Milano (CTA) e successivamente studia con il maestro giapponese Kuniaki Ida, proveniente dal Teatro Scuola Paolo Grassi.
Tra il 1996 e il 1997 è la conduttrice del programma Hit Hit in onda su TMC2/Videomusic. Negli stessi anni conduce un programma di divulgazione scientifica per la televisione della Svizzera Italiana TSI e nel 1997 inizia la sua collaborazione con MTV.
Dal 1998 al 2002 è l’inviata speciale degli MTV Europe Music Awards dove in diretta mondiale intervista i protagonisti del panorama musicale internazionale. Per MTV nel 1997 conduce Hit non stop direttamente da Londra, Hit list Italia e Select, dal 1998 al 2001 Cinematic e Week in Rock, nel 1999 Cercasi Vj e nel 1999/2001 Disco 2000.
Nel 2000 è l’inviata speciale per MTV al World Pride di Roma, ai Video Music Awards di New York e ai Movie Awards di Los Angeles.
Sempre per MTV nel 2002 conduce il programma E.T. Entertainment Today e dall’autunno dello stesso anno fino al 2007 è uno degli inviati del programma di Italia 1 Le Iene. Nel 2004 recita nella fiction diretta da Riccardo Mosca Cuore contro cuore in onda su Canale 5 e l’anno successivo è su MTV con il talk show Very Victoria che andrà in onda fino al 2008.
Nel 2006 conduce con Giorgio Panariello e Ilary Blasi la 56° edizione del Festival di Sanremo. Torna al cinema nel 2008 con il film di Aldo Giovanni e Giacomo Il cosmo sul comò e tra il 2009 e il 2010 è su La7 con 4 edizioni di Victor Victoria. Intensa la sua carriera in ambito pubblicitario che la vede protagonista di diverse campagne come Dufour, Aspro C500, Pantene, Swatch e Ferrero e dal 2005 volto degli spot del Crodino.
Nel 2011 e nel 2012 conduce il programma della domenica di Raidue Quelli che il calcio e sempre nel 2012 vince il premio Flaiano come miglior conduttrice dell’anno. Nel 2013 produce il lungometraggio sulla Siria Bolder (selezionato dal Festival di Toronto, dalla Festa del Cinema di Roma e dal 9th UNHCR Refugee Film Festival) per la regia di Alessio Cremonini.
E’ stata giudice di X Factor 8 su Sky nel 2014.

​IL FENOMENO MONCHHICHI ​

Il fenomeno Monchhichi nasce nel 1974, grazie alla Sekiguchi Corporation, famosa azienda produttrice di bambole con sede a Tokyo che ha lanciato la produzione dei pupazzi Monchhichi. Questi personaggi – afferma l’azienda giapponese – sono stati creati al fine di ispirare il rispetto e la protezione nei confronti dei bambini giapponesi. Le bambole ebbero un successo clamoroso in Giappone, cosi come la serie tv omonima lanciata nel 1980 che ne incremento’ esponenzialmente la popolarità. Le bambole furono esportate in tutto il mondo a partire dal 1975 inizialmente in Germania (allora Repubblica Federale Tedesca) e in Australia. Successivamente le bambole arrivarono nell’Europa occidentale dove il nome “Monchhichi” subì varie modifiche: divento’ “Chicaboo” nel Regno Unito, “Kiki” in Francia, “Mon Cicci” in Italia e “Virkiki” in Spagna. Nel 1979 le bambole arrivarono anche nei negozi del Nord America. La Mattel acquistò i diritti sia per le bambole che per la serie tv. Qualche curiosità: nel 1974 i personaggi erano venduti senza abiti mentre dal 1976 iniziarono ad essere commercializzati anche con la loro linea di abbigliamento “Boutique Monchicchi”. Ad oggi tutti i Mon Cicci sono venduti con abiti particolari (da giamaicani, in costume da bagno, da sposi ecc.). Nel 2010, a proposito di bambole, fu prodotta una linea anche per il mondiale di Calcio. L’azienda Sekiguchi produce tuttora ancora per il Giappone nuove linee di bambole che vengono importate dai collezionisti di tutto il mondo. . I Monchhichi vengono sempre venduti come gemelli: un maschio e una femmina denominati rispettivamente Mon Ciccì (in Giappone Monchicchi-kun, モンチッチくん?) e Mon Cicciò (in Giappone Monchicchi-chan, モンチッチちゃん?). Esistono due stampi per le femmine: una con un’espressione solare ed una imbronciata. Curiosamente i Mon Cicci ebbero gli occhi azzurri fino al 1985, poi vennero prodotti solo con occhi castani. Un’eccezione sono i Mon Cicci prodotti nel 2000 da Sekiguchi, per una replica commemorativa decisamente fedele, che quindi li vedeva senza abiti e con gli occhi chiari.
E’ pero’ con la serie televisiva che i Monchhichi diventano un fenomeno internazionale globale: l’anime ispirato ai Monchhichi ed intitolato Futago no Monchicchi (ふた子のモンチッチ? lett. “I gemelli Monchicchi”) fu prodotto nel 1980 da Ashi Production. In Italia la serie intitolata Moncicci’ è andata in onda per la prima volta su Canale 5 il 23 marzo 1982 con la sigla di Cristina D’Avena. Nel 2010 la stessa serie è andata in onda su DeAKids.
Tutti ricordano il ritornello della sigla italiana “Moncicci’ la fortuna è averti qui!”
Dopo la serie giapponese, è stata prodotta anche un’altra serie animata negli Usa da Hanna-Barbera intitolata Monchhichis e trasmessa dalla ABC in America. In Italia è andata in onda per la prima volta nel 1988 su Raiuno e successivamente su altri canali televisivi.
Nel 2005 in Giappone è stata realizzata una serie di animazione di pupazzi intitolata semplicemente Monchicchi, trasmessa da diverse emittenti giapponesi: Kids Station Tv, Kanagawa Television, Saitama, Chiba Tv, Kyoto Broadcasting System, Mie Television e Akita Broadcasting System.

PROFILO EDITORIALE DEL CANALE

DeAJunior e’ il primo ed unico canale Edutainment rivolto ai target Pre-school e Parentale, 3-5 anni e genitori del gruppo De Agostini.
Un canale completamente dedicato all’imparare, al conoscere, alla scoperta con un linguaggio sempre in linea con i bisogni dei piccoli telespettatori.
Un canale dove i programmi seguono le capacita’ di decodifica del target, dove la divulgazione di regole e comportamenti legati alla vita quotidiana e’ centrale. I bambini imparano osservando i loro piccoli amici in tv. Un canale che si differenzia da altri perche’ trasmette valore anche per i genitori, fornendogli gli strumenti per “mettersi in contatto” con loro e “fare insieme” ai propri figli. DeAJunior e’ Edutainment e I Do-tainment allo stesso tempo. Li accompagna infatti alla scoperta del mondo, spiegando, raccontando, fornendo delle regole che ne guidino i comportamenti e le azioni, ma contemporaneamente ne stimola la creativita’ e la consapevolezza delle proprie capacita’.
Il palinsesto di DeAJunior e’ rappresentato da titoli di grande prestigio internazionale, che accompagneranno i bambini durante tutta la giornata scandendone orari e ritmi di vita.
Un flusso di programmi coerente con le attività e le necessità del delicato target prescolare: dall’amatissima serie Super Wings a Robot Trains, fino al programma “Yo Yoga”, che insegna lo yoga ai più piccoli con la maestra di yoga Renata Centi e la giornalista Francesca Senette. Su DeAJunior è in onda anche in esclusiva per i canali pay la serie cult dei bambini “Masha e Orso”.
Il canale è visibile in esclusiva sulla piattaforma Sky al numero 623.