Controlli a Tor Bella Monaca e Tor Vergata
Grazie ad un’importante operazione di controllo, eseguita nelle ultime 48 ore e proseguito fino alle prime luci dell’alba, i Carabinieri della Compagnia di Frascati hanno passato al setaccio i quartieri di Tor Bella Monaca e Tor Vergata, arrestando 9 persone.

In particolare, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno arrestato due uomini di 23 e 43 anni e una donna di 38 anni per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I sospetti sono stati controllati in via Camassei dove sono stati sorpresi con 19 dosi di cocaina (11 grammi) e circa 650 euro ritenuti provento della loro attività illecita. La donna e il 43enne sono stati posti agli arresti domiciliari, mentre il 23enne è stato trattenuto in caserma.

Due sono stati gli arresti eseguiti dai Carabinieri della Stazione Roma Tor Vergata: il primo è scattato nei confronti di un 19enne romano, già conosciuto alle forze dell’ordine, sorpreso a poca distanza dalla sua abitazione di via Ittiri in possesso di alcune dosi di hashish. La successiva perquisizione scattata nella sua casa ha consentito di sequestrare complessivamente 108g di hashish, 120 euro in contanti e materiale vario per il confezionamento.

Il secondo arresto ha riguardato un cittadino sudcoreano di 47 anni, accusato di minaccia e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo si è vivamente opposto alle operazioni di controllo scattate nella zona largo Monreale e il suo atteggiamento riluttante alla vista delle divise si è trasformato in vera e propria aggressione fisica, costringendo i Carabinieri ad ammanettarlo.

Entrambi gli arrestati sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo.

I Carabinieri della Stazione di Roma Tor Bella Monaca, invece, hanno arrestato 4 persone: le prime due – un 38enne e un 39enne entrambi romani – per detenzione ai fini di spaccio dopo essere stati “pizzicati” in possesso di 6 dosi di cocaina e 100 euro in contanti.

Le manette sono scattate ai polsi anche di 2 ragazzi, un 17enne ed un 29enne, per detenzione illegale di arma da sparo e ricettazione.

Il minorenne, già noto alle forze dell’ordine, è stato controllato in via Santa Rita da Cascia dove è stato trovato in possesso di una pistola semiautomatica “Beretta cal. 7,65”, oggetto di furto, completa di serbatoio con 4 cartucce inserite, nascosta in uno dei calzini che stava indossando.

In un garage di via dell’Archeologia di pertinenza del 29enne, invece, i Carabinieri hanno rinvenuto, nascosta in una scatola, una pistola semiautomatica “Springfield Armory cal. 45”, oggetto anch’essa di furto, con caricatore inserito. In un’altra scatola, i militari hanno trovato altri due serbatoi. Lo stesso ragazzo è stato trovato in possesso anche di una dose di hashish e una di marijuana.

Il 17enne è stato accompagnato nel Centro di Prima Accoglienza di via Virginia Agnelli, mentre il 29enne è stato trattenuto in caserma in attesa del rito direttissimo.

Deteneva in casa 2,3Kg di droga e una pistola rubata
Un’articolata attività di indagine negli ambienti della droga, mirata al contrasto dello spaccio di hashish, ha permesso ai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro di arrestare un 52enne romano e di localizzare la sua abitazione, in viale Anicio Gallo, quartiere Cinecittà, dove l’uomo deteneva una grossa partita di droga.

Ieri sera, riusciti a dare un volto al trafficante, i Carabinieri lo hanno pedinato fino all’appartamento dove, poco dopo, è scattato il blitz.

La perquisizione ha dato esito positivo con il rinvenimento di 5 confezioni contenenti numerosi ovuli di hashish, del peso complessivo di 2,3 kg, di una pistola “Beretta” calibro 7,65 completa di caricatore e cartucce, che da accertamenti è risultata denunciata rubata durante un furto in una villa a Velletri nel 2015, oltre a bilancini di precisione, materiale per il confezionamento e denaro contante, provento dell’attività illecita dell’uomo.

Accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione illecita di armi da sparo e ricettazione, l’arrestato è stato portato in carcere a Regina Coeli, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

Rafforzati controlli su strada e nei centri commerciali
Continuano i servizi di controllo straordinario del territorio disposti dal Comando Gruppo Carabinieri di Ostia, finalizzati alla repressione dei reati in genere, con particolare attenzione a quelli di natura predatoria, nonché al contrasto di attività illecite legate allo spaccio di sostanze stupefacenti.
Nelle ultime 48 ore, sono state passate al setaccio varie aree di Ostia e Fiumicino e, in tale ambito, i Carabinieri della Compagnia di Roma Ostia hanno eseguito numerose perquisizioni personali, veicolari e domiciliari.
All’esito dei mirati controlli, i Carabinieri dell’aliquota Radiomobile, durante il servizio di controllo della circolazione stradale – svolto anche nell’arco notturno – hanno identificato 56 persone, controllato 28 veicoli ed elevato numerose contravvenzioni al Codice della Strada.
Nel corso del servizio i militari hanno controllato un 32enne con numerosi precedenti, e perquisito la sua autovettura, dove hanno rinvenuto diversi grammi di hashish. In virtù di tale ritrovamento, la perquisizione è stata estesa anche all’abitazione dell’uomo, dove, ben occultati, hanno recuperato un consistente quantitativo di droga sintetica, tra cui oltre 1 kg di anfetamina, quasi 6 etti di metanfetamina e del quantitativo di MDMA. Il trafficante è stato quindi arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Invece, i Carabinieri della Stazione di Fiumicino hanno arrestato due cittadine italiane, di 62enne e 37enne, già note alle forze dell’ordine, con l’accusa di furto aggravato. Le arrestate si sono introdotte in un negozio di una nota marca di abbigliamento nel centro commerciale “Da Vinci” e, dopo aver manomesso i dispositivi antitaccheggio, hanno asportato svariati capi di abbigliamento dandosi repentinamente alla fuga.
Successivamente, le donne sono state individuate e fermate nel vicino parcheggio da una pattuglia dei Carabinieri che, transitando nella zona, le ha notate aggirarsi con fare sospetto.
Infine, una 58enne è stata arrestata dai Carabinieri per aver occultato nella propria borsa vari capi di abbigliamento di un negozio del centro commerciale “Parco Leonardo”, dopo averne rimosso le placche antitaccheggio. La donna è stata bloccata all’uscita del negozio e la refurtiva è stata riconsegnata alla proprietà.

Rafforzati controlli su strada e nei centri commerciali

Rafforzati controlli su strada e nei centri commerciali
Comando Provinciale di Roma – Roma, 08/11/2017 13:25
Continuano i servizi di controllo straordinario del territorio disposti dal Comando Gruppo Carabinieri di Ostia, finalizzati alla repressione dei reati in genere, con particolare attenzione a quelli di natura predatoria, nonché al contrasto di attività illecite legate allo spaccio di sostanze stupefacenti.
Nelle ultime 48 ore, sono state passate al setaccio varie aree di Ostia e Fiumicino e, in tale ambito, i Carabinieri della Compagnia di Roma Ostia hanno eseguito numerose perquisizioni personali, veicolari e domiciliari.
All’esito dei mirati controlli, i Carabinieri dell’aliquota Radiomobile, durante il servizio di controllo della circolazione stradale – svolto anche nell’arco notturno – hanno identificato 56 persone, controllato 28 veicoli ed elevato numerose contravvenzioni al Codice della Strada.
Nel corso del servizio i militari hanno controllato un 32enne con numerosi precedenti, e perquisito la sua autovettura, dove hanno rinvenuto diversi grammi di hashish. In virtù di tale ritrovamento, la perquisizione è stata estesa anche all’abitazione dell’uomo, dove, ben occultati, hanno recuperato un consistente quantitativo di droga sintetica, tra cui oltre 1 kg di anfetamina, quasi 6 etti di metanfetamina e del quantitativo di MDMA. Il trafficante è stato quindi arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Invece, i Carabinieri della Stazione di Fiumicino hanno arrestato due cittadine italiane, di 62enne e 37enne, già note alle forze dell’ordine, con l’accusa di furto aggravato. Le arrestate si sono introdotte in un negozio di una nota marca di abbigliamento nel centro commerciale “Da Vinci” e, dopo aver manomesso i dispositivi antitaccheggio, hanno asportato svariati capi di abbigliamento dandosi repentinamente alla fuga.
Successivamente, le donne sono state individuate e fermate nel vicino parcheggio da una pattuglia dei Carabinieri che, transitando nella zona, le ha notate aggirarsi con fare sospetto.
Infine, una 58enne è stata arrestata dai Carabinieri per aver occultato nella propria borsa vari capi di abbigliamento di un negozio del centro commerciale “Parco Leonardo”, dopo averne rimosso le placche antitaccheggio. La donna è stata bloccata all’uscita del negozio e la refurtiva è stata riconsegnata alla proprietà.

Arrestato trafficante di droga
Comando Provinciale di Roma
Un’articolata attività di indagine negli ambienti della droga, mirata al contrasto dello spaccio di hashish, ha permesso ai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro di arrestare un 52enne romano e di localizzare la sua abitazione, in viale Anicio Gallo, quartiere Cinecittà, dove l’uomo deteneva una grossa partita di droga.

Ieri sera, riusciti a dare un volto al trafficante, i Carabinieri lo hanno pedinato fino all’appartamento dove, poco dopo, è scattato il blitz.

La perquisizione ha dato esito positivo con il rinvenimento di 5 confezioni contenenti numerosi ovuli di hashish, del peso complessivo di 2,3 kg, di una pistola “Beretta” calibro 7,65 completa di caricatore e cartucce, che da accertamenti è risultata denunciata rubata durante un furto in una villa a Velletri nel 2015, oltre a bilancini di precisione, materiale per il confezionamento e denaro contante, provento dell’attività illecita dell’uomo.

Accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione illecita di armi da sparo e ricettazione, l’arrestato è stato portato in carcere a Regina Coeli, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Roma: Controlli in un campo rom, nove gli arresti

Sale a 9 il numero delle persone arrestate nel corso dei controlli dei Carabinieri, avvenuti questa mattina all’interno del campo nomadi di via di Salone.

Come già citato nel precedente comunicato, due persone sono state arrestate per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti dopo essere state sorprese con decine di dosi di droga; sono diventate 7, invece, le persone arrestate con l’accusa di furto di energia elettrica. Si tratta di persone che non avevano diritto ad abitare nel campo, che avevano occupato abusivamente dei moduli abitativi, che non avevano diritto all’erogazione della corrente elettrica messa a disposizione dal Comune di Roma e che, per ovviare, si erano allacciate abusivamente alla rete elettrica tramite pericolosi cavi volanti e, in alcuni casi, scoperti.

Operazione contro la criminalità diffus
Nelle ultime 24 ore, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno effettuato un’attività di contrasto alla criminalità diffusa che ha portato all’arresto di 35 persone, di cui 32 in flagranza di reato, principalmente per furti (in appartamento, in esercizi commerciali, di/su auto e moto) scippi, borseggi, rapine e spaccio di droga.

Altre 3 persone sono state arrestate perché colpite da ordine di carcerazione.

Dei 35 arrestati, 19 sono cittadini italiani e 16 sono cittadini stranieri, per lo più provenienti dal nord-Africa e dai paesi dell’est Europa.

Sono 15 gli arresti per spaccio effettuati dai militari con il sequestro di centinaia di dosi di droga di vario genere e migliaia gli euro, tutti provento dell’illecita attività.