The Broken Key รจ il nuovo film Gothic Fantasy del regista italiano Louis Nero, con Christopher Lambert, Rutger Hauer, Michael Madsen, Geraldine Chaplin, William Baldwin, Maria de Medeiros, Kabir Bedi, Franco Nero, Andrea Cocco โ€“ in uscita in 250 sale italiane il 16 novembre – coprodotto da una cordata internazionale di indipendenti guidate da Lโ€™Altrofilm e TFP.

The Broken Key รจ stato girato tra Egitto, Inghilterra e prevalentemente in Piemonte, in luoghi come lโ€™Abbazia di San Michele della Chiusa (Sacra di San Michele), i comuni di Saliceto e Rosazza, la Riserva naturale delle Grotte di Bossea.

La colonna sonora originale, edita da Warner Chappell Music Italiana e Casa Musicale Sonzogno di Piero Ostali, รจ stata completamente affidata ad unโ€™unica mano: il giovane torinese Lamberto Curtoni, compositore e violoncellista cresciuto alla scuola di Sollima.
Noto, nonostante la giovane etร , per le continue relazioni, razionali ed emotive, con temi quali scienza, ipnosi e ricerca su fonti rare, che ispirano le sue composizioni, Lamberto Curtoni ha lavorato sulle musiche di The Broken Key per un anno intero, creando un universo inquieto che ben si presta al genere del film, ma che sicuramente godrร  di vita propria sia in veste discografica sia nei tanti live che punteggiano la carriera di uno dei giovani compositori piรน promettenti del panorama europeo.

La scrittura, prevalentemente sinfonica, vede protagonista la Curtainโ€™s Orchestra, organico di 50 elementi che omaggia nel nome il Curtain Theatre di Londra, teatro elisabettiano che ospitรฒ i primissimi lavori di Shakespeare, quindi fu distrutto da un incendio. Ovviamente lโ€™assonanza con il cognome del compositore denuncia subito che si tratta di unโ€™orchestra eminentemente torinese, formata dagli amici di sempre di Curtoni, tutti impegnati nelle due orchestre storiche della cittร . Allโ€™interno della colonna sonora si trovano poi interventi di ensemble minori o veri e proprio solo, cosรฌ da identificare musicalmente i singoli personaggi con temi precisi che confluiscono tutti nel tema principale e nella canzone Waiting for you, interpretata dal mezzo soprano islandese Kristin Sveinsdottir, nota al pubblico dei melomani per le sue esibizioni in Scala e per la sua partecipazione al coro islandese Graduale Nobili, piรน volte esibitosi con Bjork e lo scorso anno con Lamberto Curtoni stesso con il progetto di musica sacra presentato alla Chiesa Valdese di Milano.