Kim Jong-Un Γ¨ sempre piΓΉ spesso al centro delle tematiche mondiali e sta assumendo sempre piΓΉ importanza per le proprie posizioni che potremmo definire discutibili.
Il capo del Nord Corea innanzitutto ha preso il potere in maniera del tutto surreale per noi occidentali, essendo succeduto al padre.
Bisogna ricordare, infatti, che le elezioni del 2014, che si sono svolte in questo Paese, sono state anti- democratiche e il risultato Γ¨ stato truccato sia in termini di affluenza che in di voti attribuiti a Kim.
Basti pensare che Kim Jong-Un Γ¨ stato dichiarato Presidente della Corea del Nord con l’88% dei voti validi, registrando un’affluenza vicina al 100%. Ovviamente questi dati sono stati divulgati dall’agenzia di stampa coreana, controllata direttamente da Kim Jong-Un.
Bisogna ricordare che il dittatore coreano Γ¨ anche Capo supremo dell’esercito, avendo il comando sia dell’Armata centrale, sia della Commissione interna al corpo militare, Γ¨ ovviamente leader indiscusso del partito dei lavoratori, partito che ormai governa senza una vera e propria opposizione.
Kim ha tre lauree: una conseguita alla scuola internazionale inglese di Berna (ha studiato ovviamente sotto falso nome) e due in Corea, rispettivamente in fisica e presso l’accademia militare.
Kim Γ¨ stato da sempre molto dispotico nella gestione del potere, arrivando ad uccidere persino lo zio, il quale fu accusato di alto tradimento.
Le sue posizioni piΓΉ pericolose per il mondo sono quelle inerenti le armi nucleari, che sotto la presidenza di Kim hanno avuto un incremento di produzione notevolissimo.
Da sempre acerrimo nemico degli stati Uniti, spera un giorno di poter dichiarare guerra agli USA per poterli distruggere.
Per questo motivo il neo-eletto Presidente degli Stati Uniti d’America- Donald Trump- ha sempre manifestato la sua preoccupazione nello sviluppo delle armi nucleari della Corea del Nord.
In estate si Γ¨ sfiorato quasi lo scontro nucleare tra le due potenze, evitato solamente dalle forze militari americane, che, fortunatamente, hanno preferito risolvere il problema diplomaticamente.
Non sono certo che la diplomazia potrΓ  reggere a lungo tra le due potenze mondiali.