Composition with vintage old hardback books, diary, fanned pages on wooden deck table and green background. Books stacking. Back to school. Copy Space. Education background

Roma, 8 dicembre 2017. Si è conclusa ieri a Più libri più liberi la tredicesima edizione del Fellowship Program, organizzato con il sostegno del progetto Aldus – la rete europea delle Fiere del Libro coordinata da AIE e co-finanziata dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Europa Creativa – e realizzato anche grazie all’intervento di ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e della Regione Lazio attraverso Lazio Innova. L’obiettivo del programma è offrire uno sguardo d’insieme sulla produzione dei piccoli e medi editori indipendenti italiani. Quest’anno hanno partecipato 22 operatori stranieri – 20 aziende europee, una casa editrice turca e una indonesiana – e 45 italiani, che si sono incontrati in più di 350 appuntamenti vis-à-vis, numeri in netta crescita rispetto allo scorso anno.

Molto l’interesse dimostrato dagli editori stranieri partecipanti, che hanno sottolineato come il Fellowship Program sia uno strumento fondamentale per conoscere e instaurare rapporti con case editrici indipendenti. Rapporti che poi spesso, anche a distanza di anni, sfociano nella pubblicazione di un libro.

“È la prima volta che partecipiamo al programma – spiega Laurence Bourgeon delle edizioni francesi Cambourakis – ed è stata un’esperienza davvero interessante. Siamo una piccola casa editrice e pubblichiamo soprattutto titoli stranieri: narrativa, libri per bambini anche illustrati, fumetti. Siamo aperti a tutto il mondo, ma ultimamente i libri italiani ci interessano particolarmente. Da circa un anno, per esempio, pubblichiamo in Francia Zerocalcare. Il Fellowship Program si è rivelato molto utile per entrare in contatto con aziende editoriali di qualità che non conoscevamo, ma è stato anche un interessante momento di incontro e confronto con altre piccole e medie case editrici europee”.

Stessa soddisfazione espressa dal collega Alessandro Gallenzi, che nel 2005 ha aperto nel Regno Unito la casa editrice Alma Books: “Con 1 milione di Sterline di fatturato, nel Regno Unito ci collochiamo tra le piccole case editrici. Per la maggior parte pubblichiamo titoli in traduzione, di tutti i generi, e l’Italia è uno dei nostri Paesi di punta, insieme a Russia, Francia e Germania. Il Fellowship Program si è rivelato una bella sorpresa, ben organizzato, interessante e soprattutto molto utile a scoprire tanti giovani intraprendenti che guidano piccole e medie case editrici in Italia. Sono più di uno i titoli che mi hanno interessato e spero in futuro di portarne qualcuno in Inghilterra”.

Non solo editori. Tra i partecipanti a quest’edizione, anche l’agenzia Maria Francesca Gagliardi Media Scouting, che per prima ha introdotto in Italia una figura che nel mondo anglosassone esiste già da anni, quella dell’intermediario tra il mondo dei libri e l’industria cinematografica e televisiva: “I nostri clienti – spiega l’agenzia – sono i produttori cinematografici, che ci incaricano di scandagliare il mondo dei libri per scovare storie interessanti che potrebbero diventare un film o una serie tv. Il Fellowship Program è stato un’occasione molto utile per parlare a quattr’occhi con piccoli editori indipendenti, un settore che di solito è più difficile intercettare. Abbiamo stretto rapporti con alcune realtà interessanti e continueremo a seguirle, forse nei prossimi mesi uno dei loro titoli diventerà un film”.

Alcuni degli operatori invitati al Fellowship Program hanno arricchito il programma di Più libri più liberi negli incontri organizzati in collaborazione con Aldus (www.aldusnet.eu). Martedì 6 dicembre Petra Kavčič, Urpu Strellman e Alessandro Gallenzi hanno partecipato all’incontro Essere piccoli in un mondo sempre più grande. Giovedì 8 dicembre Mireille Berman è intervenuta all’appuntamento intitolato Politiche culturali europee a confronto. Oggi, alle 11.30 nella Aldus Room, Antoni Planas Sanjosè partecipa all’incontro Per far viaggiare i vostri libri.