Aldo e Waldo, ma dove siete finiti? Aldo e Wando, e Mambro, ma dove siete finiti? Ma allora, eravate così gioviali e contenti, e contenti di voi stessi, che ancora vi state chiedendo perché e dove siete andati a cacciarvi e dove siete andati a cacciarvi per davvero, visto che stamattina eravate vispi e che stasera non ci eravate più. Non ci eravate più perché vi hanno ucciso? E se un vostro amico venisse a mancare proprio nel momento del bisogno, e se un vostro amico venisse a mancare proprio nel momento del bisogno? Ecco allora che nella mente se stanno insieme, il loro ricordo sembra stagliarsi meno lontano, perché il ricordo sembra stagliarsi meno lontano degli altri perché il ricordo e la perifrasi del ricordo è dimezzata. Insomma, nel nostro ricordo, la loro immagine scema perché queste persone sono state uccise? Il più delle volte sì, ecco quale è il dilemma. Il dilemma è proprio quello, che il più delle volte queste persone rimangono uccise nel nostro ricordo perché non ci sono più, e rimangono perplesse perché il ricordo va scemando. Sono gli angeli che rimangono perplessi, perché nel nostro ricordo non ci sono più. Eppure, li amavamo così tanto!
E nel nostro ricordo non ci sono piΓΉ perchΓ© nella nostra mente il nostro ricordo va perdendo, e il nostro ricordo era legato alle immagini di quelle persone. PerchΓ© queste persone non ci sono piΓΉ? Hanno sbagliato, hanno peccato, oppure semplicemente sono state uccise? Purtroppo molte volte Γ¨ l’ultima risposta quella vera, quella sincera. Quella vera e quella sincera sono per noi delle risposte vere da darci, ed ecco allora che queste risposte sono per noi quelle veritiere. Se ci fossero loro, queste nostre azioni non varrebbero la pena di esserci, e queste nostre azioni non ci sarebbero piΓΉ perchΓ© avrebbero cessato di esistere. Ma fino a quando? Fino a che morte non vi separi. Fino a che morte non vi separi. Dice la Chiesa. Allora, il pensiero si arretra fino a stamattina, quando era importante stare con loro e passare del tempo con loro. Un giallo, pensano alcuni. Ma di giallo ancora si sta parlando? Certo, di giallo ancora si sta parlando. E se fossi la prossima vittima? Pensa il meno sprovveduto o il piΓΉ sprovveduto. Proprio cosΓ¬. Ma non Γ¨ mai cosΓ¬. La prossima vittima si arretra, si arresta proprio mentre c’è la prima vittima. E la prima vittima parla la nostra lingua.

Noru Norgiu