Quattro nuovi appuntamenti domenicali con il โ€œFestival Popolare italiano – Canti, corde, mantici e ottoniโ€ al Teatro Villa Pamphilj a Roma.

Artisti della scena italiana โ€“ e non solo โ€“ faranno conoscere la forza di una tradizione musicale che si rinnova continuamente e mantiene intatto il suo fascino.

Si parte domenica 11 febbraio, alle ore 11.30 con Giuliano Gabriele Trio (vincitore del premio Andrea Parodi e dell’Umbria Mei Folk Festival) e il suo progetto “Hypnotic Dance”, uno spettacolo volto alla scoperta della quintessenza della musica tradizionale del Sud Italia.

In questo progetto artistico sperimentale che profuma di โ€œpopolareโ€ grazie agli ipnotici tempi di danza, trascendendo gli schemi sonori e vocali classici, Giuliano Gabriele alla voce, organetto, zampogna รจ accompagnato da Lucia Cremonesi alla viola e lira calabrese e da Eduardo Vessella ai tamburi a cornice e percussioni.

โ€‹โ€‹
Il festival proseguirร  poi il 18 marzo (ore 11.30) Clara Graziano & Valentina Ferraiuolo, il 29 aprile (ore 18) โ€œStefano Saletti & Banda Ikona; il 27 maggio (ore 11.30) di scena gli Agricantus.

Il sottotitolo del festival โ€œCanti e corde, mantici e ottoniโ€ vuole testimoniare la varietร  di sonoritร , di strumenti e di stili che da sempre caratterizzano la musica popolare, folk, etnica, world.

โ€‹Eโ€™ la musica dellโ€™incontro, capace di far dialogare tradizioni regionali differenti, ritmi e dialetti distanti, ma capaci di aprirsi al mondo e di contaminarsi creando nuovi linguaggi espressivi.โ€‹ Un insieme di musiche e di storie che rappresentano un patrimonio da tramandare e riscoprire per non perdere la memoria musicale – vero elemento identificativo di una comunitร  e di una nazione – ma pronto a reinventarsi, ad aprirsi al mondo, alle musiche che arrivano dai tanti migranti e artisti che vivono ormai stabilmente in Italia, di dialogare con le altre sponde del Mediterraneo e oltre.
Nella precedenti edizioni (la prima si era tenuta al Baobab di Roma, luogo che nasceva come centro di accoglienza per immigrati e si era trasformato anche in un centro policulturale) si sono alternati alcuni dei piรน importanti rappresentanti della scena popolare italiana, tra i quali Lucilla Galeazzi, Riccardo Tesi, Rocco De Rosa, Novalia, Orchestra Bottoni, Fink e Bigazzi, TaMa Trio di Nando Citarella, Mauro Palmas e Pietro Cernuto, Agricantus, Kabรฌla, Lavinia & Semilla, Giuliana De Donno e Gabriella Aiello, Unavantaluna, Banda Ikona, Raffaella Misiti e le Romane, Tรชtes de Bois, Lamorivostri, Canio Loguercio & Alessandro Dโ€™Alessandro, Cafรจ Loti.

Il Festival, con la direzione artistica di Stefano Saletti (polistrumentista e compositore, alla guida della Banda Ikona e di diversi ensemble internazionali di world music), si propone come nuovo spazio per la musica popolare, folk, etnica, world della Capitale. Un laboratorio di idee che nel nome dellโ€™incontro e dello scambio si sta affermando come una vera e propria officina creativa.

Calendario e programma

11 febbraio 2018 ore 11.30 โ€“ Giuliano Gabriele Trio: โ€œ”Hypnotic Dance”

18 marzo 2018 ore 11.30 โ€“ Clara Graziano & Valentina Ferraiuolo: “Fiamma e scintilla”

29 aprile 2018 ore 18 โ€“ Stefano Saletti & Banda Ikona โ€œIl canto del Sabirโ€

27 maggio 2018 ore 11.30 โ€“ Agricantus: “”Akoustikรฒs””

domenica 11 febbraio – ore 11.30 – Giuliano Gabriele Trio: โ€œ”Hypnotic Dance”

Uno spettacolo volto alla scoperta della quintessenza della musica tradizionale del Sud Italia, il ritmo, in un progetto artistico sperimentale che profuma di โ€œpopolareโ€ grazie agli ipnotici tempi di danza, trascendendo gli schemi sonori e vocali classici. Con Giuliano Gabriele: voce, organetto, zampogna; Lucia Cremonesi: viola, lira calabrese; Eduardo Vessella: tamburi a cornice, percussioni.

domenica 18 marzo – ore 11.30 – Clara Graziano & valentina Ferraiuolo: “Fiamma e scintilla”

Un duo femminile dโ€™eccezione che vede in scena le melodie sinuose e sognanti dellโ€™organetto di Clara Graziano, dialogare con i ritmi coinvolgenti dei tamburelli di Valentina Ferraiuolo. Un repertorio originale e storie fantastiche per attraversare, con raffinato gusto esecutivo, lโ€™Italia e le sue musiche tra la tradizione popolare e le composizioni dโ€™autore

domenica 29 aprile – ore 18 – Stefano Saletti & Banda Ikona โ€œIl canto del Sabirโ€

Un concerto che diventa un cammino tra le strade del Mediterraneo. Un racconto in musica cantato in Sabir, la lingua del mare, dei porti, dei pescatori e dei marinai. Il risultato รจ un affascinante folk world-mediterraneo, meticciato, una miscela ricca di ritmi e melodie, suggestioni e colori. Con Stefano Saletti: bouzouki, oud e chitarra; Barbara Eramo: voce; Gabriele Coen: sax e clarinetto; Mario Rivera: basso acustico.

domenica 27 maggio – ore 11.30 – Agricantus: “Akoustikรฒs”

Una miscela musicale particolare creata dallo storico gruppo siciliano con strumenti tradizionali, elettronici, tecniche moderne ed arcaiche che trasportano lโ€™ascoltatore in un viaggio in cui le tradizioni orali, le voci ed i rituali del Sud Italia e del Mediterraneo descrivono lontani territori musicali e di grande evocazione. Sul palco Anita Vitale (voce e pianoforte), Mario Crispi (strumenti a fiato etnici e arcaici, voce), Mario Rivera (basso acustico 6 corde, voce), Giovanni Lo Cascio (drum set – percussioni etniche).

Il Festival Popolare Italiano รจ realizzato in collaborazione con lโ€™Associazione Ikona

Teatro Villa Pamphilj

Villa Doria Pamphilj Via di San Pancrazio 10 – P.zza S. Pancrazio 9/a, 00152 ROMA

Orario segreteria: dal martedรฌ alla domenica dalle 10,00 alle 18,00

Info e prenotazioni: tel. 06 5814176 dal martedรฌ alla domenica – promozione@teatrovillapamphilj.it

Arrivare a teatro: BUS 870 โ€“ 982 โ€“ 44 โ€“ 44F – (e nelle vicinanze 710 e 871) FM 3 (Roma/Viterbo) fermata Quattro Venti