Furto al Mercato Coperto “Il Borghetto”: ventisettenne italiano denunciato
Comando Provinciale di Bologna – Imola (BO), 05/03/2018 15:48
I Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Imola hanno denunciato un ventisettenne italiano per furto aggravato. E’ successo venerdì mattina quando la Centrale Operativa del 112 è stata informata che qualcuno era entrato illecitamente all’interno del Mercato Coperto “Il Borghetto” e aveva rubato del denaro contante e diversi prodotti alimentari da una drogheria e un bar. La notizia è stata trasmessa ai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Imola, impegnati nei servizi di controllo del territorio. I militari si sono recati immediatamente sul posto e dopo aver avviato le indagini, sono risaliti all’identità del giovane ladro, individuato poco dopo nelle vicinanze mentre si stava allontanando a piedi. Sottoposto a una perquisizione domiciliare, il ventisettenne è stato trovato in possesso di una parte della refurtiva e alcuni attrezzi da scasso che aveva utilizzato per accedere all’interno dei due locali. La refurtiva è stata restituita dai Carabinieri al legittimo proprietario. Il ventisettenne è conosciuto alle Forze di Polizia per i suoi precedenti di polizia.

Piazza Verdi: spacciatore tunisino arrestato
Comando Provinciale di Bologna – Bologna, 05/03/2018 14:45
I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Bologna Centro, durante un servizio antidroga e di contrasto alla criminalità, hanno arrestato un quarantunenne tunisino, senza fissa dimora e disoccupato, per spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato visto davanti a un bar di Piazza Verdi mentre vendeva una dose di hashish a un giovane, poi identificato in un altro tunisino di diciotto anni. Lo spacciatore, gravato da precedenti di polizia, è stato arrestato e rinchiuso in camera di sicurezza, mentre l’acquirente è stato segnalato alla Prefettura di Bologna per uso personale di sostanze stupefacenti. Il servizio è terminato col sequestro di una ventina di grammi di sostanze stupefacenti.
Furto all’isola ecologica: arrestato trentacinquenne bulgaro
Comando Provinciale di Bologna – Bologna, 05/03/2018 14:23
I Carabinieri della Stazione di Vado hanno denunciato due tarantini di trentacinque e sessantatré anni per truffa in concorso ai danni di una quarantacinquenne di Marzabotto con cui avevano avviato una trattativa telematica per la vendita di un robot da cucina. La merce era stata pubblicizzata in un sito internet di un’azienda che gestisce le vendite e gli acquisti tra privati. A pagamento avvenuto, la donna è rimasta ad attendere il pacco per qualche giorno, poi quando ha capito di essere stata truffata si è rivolta ai Carabinieri per sporgere querela. I due malfattori sono gravati da precedenti di polizia.
Controlli nel quartiere San Pietro Piturno
Comando Provinciale di Bari – Putignano (BA), 05/03/2018 13:45
Nella scorsa mattinata i Carabinieri della Stazione Carabinieri di Putignano, insieme ai colleghi del NOR di Gioia del Colle (BA) e della Stazione di Noci (BA), con l’ausilio di una unità cinofila di Modugno (BA), hanno effettuato diverse perquisizioni nel quartiere di San Pietro Piturno.

Da alcuni giorni, infatti, i militari della locale Stazione, avevano notato strani via via di persone in alcune aree del quartiere, tanto da ritenere opportuno una verifica.

Proprio quando i militari si sono presentati sulla soglia di uno degli appartamenti sospetti, è iniziata da parte degli occupanti una frenetica attività all’interno. I due uomini e la donna presenti nell’immobile hanno cercato di disfarsi di alcuni voluminosi involucri, gettandoli dalla finestra. Ma, per loro sfortuna, sotto casa erano appostati alcuni militari che hanno visto l’azione ed hanno recuperato una busta molto pesante, contenente ben 3 pistole tutte con caricatori e cartucce inserite, in buono stato di conservazione e pronte all’uso, risultate clandestine in quanto non catalogate dalle Forze di Polizia italiane: una pistola “beretta” mod.85 cal.9 corto, una pistola marca “beretta” mod.34 cal.9 corto, entrambe complete caricatore con n.6 munizioni ed n.1 pistola marca “US revolver” con matricola illeggibile, completa caricatore con n.5 munizioni.

Inoltre, la perquisizione all’interno della camera da letto del ragazzo 19enne, figlio della donna notata prima, ha permesso di trovare quantitativi ingenti di stupefacente. Un panetto di mezzo chilo di eroina, ancora imballato con il nastro isolante, 5 panetti di hashish e varie dosi di marijuana oltre al materiale per il confezionamento delle dosi.

Invece, nel pianerottolo delle scale, nascoste in un portaombrelli, sono state recuperate dosi di cocaina, vari proiettili simili a quelli rinvenuti con le armi e due grossi bilancini di precisione. Considerate le analoghe modalità di confezionamento, anche questa droga è stata sottoposta a sequestro a carico degli occupanti dell’immobile in argomento.

Oltre alla donna ed a suo figlio, dovrà rispondere del concorso nella detenzione ai fini di spaccio della droga, anche un 25enne pregiudicato di Bari, che occupava l’immobile da giorni.

Complessivamente sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro oltre 550 grammi di “eroina”, gr.500 “hashish”, gr. 26 di “cocaina” e gr. 60 di “marijuana”.

I tre dovranno rispondere insieme oltre che della detenzione ai fini di spaccio dello stupefacente anche della ricettazione e detenzione abusiva di armi comuni da sparo clandestine.

Per loro si sono aperte le porte delle Case Circondariali di Bari e Trani (BT), ove rimarranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il 19enne era passato agli onori della cronaca locale qualche tempo addietro, in quanto ha fatto parte del gruppo di ragazzi che ad ottobre scorso fecero irruzione nell’Istituto Comprensivo “ Minzele- Parini” per poi aggredire il dirigente scolastico di Putignano. Il ragazzo arrestato per quei fatti nel mese di novembre era da poco tornato in libertà.
Intensificati i controlli del territorio
Comando Provinciale di Avellino – Montella (AV), 05/03/2018 11:18
I Carabinieri della Compagnia di Montella, su disposizione del Comando Provinciale di Avellino, negli ultimi giorni hanno intensificato i controlli del territorio di competenza.

Il servizio, eseguito con l’impiego di numerosi uomini e mezzi, ha riguardato, oltre alla prevenzione dei reati in genere, anche alla sicurezza stradale, sia sulle principali arterie che nei centri abitati, ancora troppo spesso teatri di gravi incidenti le cui conseguenze sono rese maggiormente tristi dal fatto che il più delle volte risultano corollario del mancato rispetto alle norme del Codice della Strada.

Il dispositivo ha permesso di effettuare perquisizioni e controlli, con il risultato di 3 persone denunciate in stato di libertà, 2 allontanate con Foglio di via Obbligatorio ed un giovane segnalato all’Autorità Amministrativa quale assuntore di stupefacenti.

In particolare, a Castelfranci, nel corso di un controllo alla circolazione stradale, i Carabinieri fermavano un ventenne di Montella che, all’esito di perquisizione, veniva trovato in possesso di una lama che, chiusa nella sua custodia, assumeva le sembianze di una carta di credito, facilmente occultabile e di cui non riusciva a giustificarne il porto. Per il giovane è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino in quanto ritenuto responsabile del reato di cui all’art. 4 della Legge 110/1975 (Porto di armi od oggetti atti ad offendere).

Per analoga violazione è stato denunciato anche un 40enne di Volturara Irpina, gravato da precedenti contro il patrimonio e la persona: lo stesso, a seguito di perquisizione personale e veicolare, veniva sorpreso nel citato comune in possesso di un bastone della lunghezza di 130 cm, di un’ascia e di due coltelli (uno artigianale ed uno a serramanico).

All’esito di accertamento in orario notturno, scaturito da una segnalazione al 112, è scattata la denuncia alla medesima Autorità Giudiziaria anche per un il titolare di un esercizio pubblico di Montella, ritenuto responsabile del reato di Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone.

E non è certamente venuta meno l’attenzione al contrasto ai reati in materia di stupefacenti che ha permesso di segnalare alla Prefettura di Avellino un 38enne di Cassano Irpino che, sottoposto a controllo, è stato trovato in possesso di una dose di eroina per uso personale.

Infine, sono stati allontanati con proposta di Rimpatrio con Foglio di Via Obbligatorio due 22enni, di origini romene e residenti in provincia di Salerno, entrambi gravati da precedenti di polizia per reati contro il patrimonio che, senza un giustificato motivo, venivano sorpresi a girovagare nei pressi di abitazioni isolate di Torella dei Lombardi.