La quarta edizione del Premio Fondazione Henraux si avvia con un significativo cambio ai vertici, Giuria, Accademia dellโ€™Altissimo e modalitร  di assegnazione del Premio sono stati rinnovati.

Da questa edizione la Giuria del Premio รจ composta da cinque autorevoli figure del mondo dellโ€™arte internazionale e contemporanea: Edoardo Bonaspetti, Presidente di Giuria, coadiuvato da Ilaria Bonacossa, Direttore di Artissima, EikeSchmidt, Direttore della Galleria degli Uffizi, Roberta Tenconi, Curatore del Pirelli Hangar Bicocca e Andrea Viliani, Direttore del Madre-Museo dโ€™arte contemporanea Donnaregina.

Allโ€™Accademia dellโ€™Altissimo, invece, si aggiunge Cristiana Perrella, Direttrice del Centro Pecci di Prato, mentre sono stati riconfermati Jean Blanchaert, Aldo Colonetti, MikayelOhanjanyan e Costantino Paolicchi dalla precedente edizione.

Eโ€™ un rinnovamento sostanziale che tiene conto della crescita del Premio su piano nazionale e internazionale e che mira alla presenza sempre piรน attiva nel panorama delle arti visive della Fondazione Henraux, laddove il marmo รจ protagonista. Per il Premio Henraux la progettazione e realizzazione della scultura in marmo si basa sullโ€™utilizzo del piรน nobile e prezioso dei lapidei, il Bianco dellโ€™Altissimo, lo stesso che fu scoperto proprio nelle cave Cervaiole da Michelangelo.

La presenza bi-centenaria di Henraux nel mondo dellโ€™architettura, dellโ€™arte e del Design, ha portato alla concezione dellโ€™unico Premio di scultura in marmo, nato per creare un importante scambio fra la pietra scultorea per eccellenza, gli artisti e lโ€™azienda.

Al Premio 2018 hanno partecipato sessantasette artisti dallโ€™Italia e da diversi paesi europei quali Spagna, Francia, Bulgaria, Austria, Inghilterra, Ucraina, Belgio e Polonia. Sono arrivati anche molti progetti provenienti da diverse nazioni come la Corea del Sud, lโ€™Armenia, la Turchia, la Cina, il Giappone, lโ€™Australia, la Russia e gli Stati Uniti.

Il 18 di maggio 2018 la Giuria comunicherร  i nomi dei tre artisti selezionati, i progetti premiati verranno realizzati dagli artisti negli stabilimenti Henraux con lโ€™ausilio delle storiche e rinomate maestranze dellโ€™azienda e con lโ€™utilizzo delle tecnologie piรน avanzate.

Il 21 di luglio le opere finite verranno presentate al pubblico nello spazio rinnovato dellโ€™ottocentesca segheria, un luogo carico di suggestioni che per volere dellโ€™azienda ritorna a nuova vita.

โ€œIl Premio dedicato alla memoria di Erminio Cidonio da me fortemente voluto conosce oggi una stagione di rinnovamento. Immagino figure come Henry Moore che hanno attraversato la nostra storia e hanno lavorato il nostro marmo insegnandoci come lโ€™arte sia una sfida continua. La sfida che mi aspetto dai nuovi progetti del Premio 2018 affinchรฉ Henraux possa continuare a contribuire in maniera significativa e innovativa alla realizzazione della scultura in marmoโ€. Dichiara Paolo CarliPresidente di Henraux e Fondazione.