TERZO APPUNTAMENTO |Martedรฌ 5 giugno, ore 18.00

Oasi Zegna

Incontro con Andrea Zegna insieme alla curatrice e critica Cecilia Canziani

 

Auditorium del MAXXI โ€“ ingresso 5 euro | ridotto 4 euro per i tesserati FAI e per i soci club BMW | gratuito per i possessori della card myMAXXI*

ย 

www.maxxi.art | #LeStorieDellArte

 

Roma 1 giugno 2018. Martedรฌ 5 giugno, alle 18.00, presso lโ€™Auditorium del MAXXI, si terrร  il terzo e penultimo appuntamento con LE STORIE DELLโ€™ARTE, il ciclo di lezioni giunto alla sesta edizione, che questโ€™anno va alla scoperta del rapporto tra arte e paesaggio naturale e la storia di alcuni dei maggiori parchi che ospitano sculture e installazioni di arte contemporanea nel mondo.

Frutto del collezionismo privato o pensate specificamente per avere una vita pubblica, queste aree sono veri e proprimusei a cielo aperto, nei quali le opere vivono del rapporto con la natura che le circonda e si relazionano tra di loro con modalitร  nuove e inaspettate: una sperimentazione che nel corso degli anni ha acquisito unโ€™importanza sempre maggiore.

 

Protagonista del terzo appuntamento, il progetto ALLโ€™APERTO dellโ€™Oasi Zegna, di cui parleranno lโ€™architetto Andrea Zegna e la curatrice e critica dโ€™arte Cecilia Canziani. Ideato e sviluppato da Andrea Zegna insieme a Barbara Casavecchia, ALLโ€™APERTO รจ un progetto di arte pubblica voluto da Fondazione Zegna con lโ€™obiettivo di rendere fruibile lโ€™accesso allโ€™arte contemporanea. Dal 2008 ha sviluppato intorno a Trivero (Biella) una serie di opere permanenti realizzate ad hoc, che si rivolgono alla collettivitร , valorizzando il territorio. Daniel Buren ha incorniciato le terrazze del Lanificio Zegna; Alberto Garutti ha realizzato una serie di panchine che ritraggono i cani del paese; Stefano Arienti ha ideato una โ€œscultura da adoperareโ€, che identifica la rete Wi-Fi gratuita; Roman Signer ha svelato con unโ€™azione pirotecnica il suo Horloge; Marcello Maloberti ha consegnato alla collettivitร  un โ€œgiardino delle delizieโ€; Dan Graham ha inaugurato il suo padiglione nella Conca dei Rododendri; Liliana Moro ha progettato un infopoint, una mappa interattiva e un allestimento dellโ€™Ufficio Pro Loco. ALLโ€™APERTO รจ un esempio reale di come lโ€™arte pubblica possa far dialogare mondi diversi.

Andrea Zegna (Torino, 1961) รจ architetto. Vive tra Milano, la Sicilia e Basilea. Fin dallโ€™inizio della sua attivitร  si occupa della progettazione di negozi, uffici e showroom, annoverando tra i suoi clienti aziende come Agnona, Bally ed Ermenegildo Zegna. Parallelamente allโ€™attivitร  di architetto coltiva da tempo la passione per lโ€™arte contemporanea. Nel 2000 affianca Claudio Botto nel rilancio del Premio Biella per lโ€™Incisione, premio istituito nel 1964 dal padre Aldo Zegna e dal critico dโ€™arte Luigi Carluccio. Nel 2011 ha ricevuto, dal gruppo Ermenegildo Zegna, lโ€™incarico di organizzare e coordinare il progetto ZegnArt Public.

Lโ€™ultimo incontro con LE STORIE DELLโ€™ARTE si terrร  giovedรฌ 14 giugno con Akiko Miki, direttore artistico del Benesse Art Site Naoshima, nelle isole giapponesi di Naoshima, Teshima e Inujima, unโ€™istituzione nata con lโ€™intento di creare spazi nuovi ed evocativi e dare un contributo alle comunitร  locali, accostando lโ€™architettura contemporanea alla natura incontaminata del Mare Interno di Seto.

 

Il progetto LE STORIE DELLโ€™ARTE รจ realizzato grazie alla partnership con BMW e con il sostegno del FAI – Fondo ambiente italiano