Il Lazio รจ la regione con la piรน alta percentuale di nuclei familiari costituiti da mamme sole, 250.000 (Istat – Censimento 2011). Tra queste, diverse migliaia vivono in condizioni di povertร  assoluta e di forte disagio per violenze subite, patologie psichiatriche e altri problemi. Mamme sole, con i loro figli, senza un lavoro, nรฉ una casa. Molte sono straniere, in fuga da situazioni di sfruttamento, prive di riferimenti e di reti parentali.

Secondo una recente ricerca (Oasi, 2016), nella regione si contano circa 50 strutture preposte allโ€™accoglienza delle mamme con i loro bambini. Annualmente vengono accolte circa 550 donne e 700 bambini.Moltissimi altri nuclei ricevono supporto dai servizi sociali e dalle organizzazioni benefiche in diversi modi, dallโ€™assistenza domiciliare al sostegno scolastico, fino allโ€™aiuto materiale. Ma questo crescente impegno non basta. Uno dei problemi รจ il ritardo con cui questi nuclei sono individuati e presi in carico dai servizi territoriali, il che impedisce lโ€™attivazione di interventi tempestivi per far fronte al disagio. Ciรฒ ha conseguenze drammatiche sullo sviluppo del bambino, che assorbe anche inconsapevolmente i disagi della madre.

รˆ questo il contesto da cui nasce il progetto #crescereinsieme, che unisce 14 organizzazioni con unโ€™esperienza pluriennale sul campo, per migliorare lโ€™efficacia e lโ€™efficienza degli interventi a sostegno dei nuclei fragili mamma/bambino e contrastare la povertร  educativa. Il progetto, finanziato dellโ€™Impresa Sociale โ€œCon i Bambiniโ€, รจ partito lo scorso mese di maggio e ha una durata di tre anni.

ยซLe difficoltร  economiche, le difficili condizioni abitative, lโ€™assenza di un lavoro e altri fattori personali e relazionali โ€“ spiega il responsabile del progetto Martino Rebonato, della cooperativa sociale Kairos, organizzazione capofila โ€“ possono ostacolare lโ€™accesso ai servizi educativi per le mamme e per il loro piccoli. Il nostro progetto affronta i problemi della povertร  educativa in unโ€™ottica integrata e multidimensionale, favorendo il lavoro in rete tra i servizi sociali, le agenzie educative e le organizzazioni del terzo settoreยป.

Il progetto intende soprattutto favorire lโ€™autonomia delle mamme, offrendo loro nuove opportunitร  attraverso una serie di azioni tra loro strettamente collegate: unโ€™agenzia per la ricerca della casa e del lavoro; interventi di sostegno alla genitorialitร  (visite domiciliari, supporto psicologico, promozione dellโ€™allattamento materno, gruppi di mutuo-aiuto); attivazione di reti di famiglie solidali, che accompagnino le mamme nella loro quotidianitร ; consolidamento della Rete delle strutture e dei servizi per i nuclei vulnerabili mamma-bambino.

ยซIl modello di intervento che proponiamo mira alla costituzione di una comunitร  educante, in cui ciascuno faccia bene la sua parte. Dobbiamo essere consapevoli che il problema della monogenitorialitร  e della vulnerabilitร  sociale sono spesso interconnessi โ€“ sottolinea Salvatore Carbone, Portavoce della Rete delle strutture e dei servizi per nuclei vulnerabili mamme-bambino โ€“ e che il fenomeno delle mamme sole in condizioni di forte disagio sociale ha assunto una dimensione che non puรฒ piรน essere sottovalutataยป.

Comunitario รจ quindi lโ€™approccio proposto dai promotori del progetto, 14 organizzazioni che hanno unito le forze e messo a disposizione le competenze ed esperienze maturate in anni di impegno: la cooperativa sociale Kairos, lโ€™associazione OASI, Il Melograno Centro Informazione Maternitร  e Nascita, MYTANDEM Snc di Chiรน Sara e Melandri Sabina, il Centro Italiano di Solidarietร  don Mario Picchi, la cooperativa sociale Zoe, lโ€™associazione Tutela Minori e Sostegno Adulti Fragili, il Consorzio Universitario Humanitas, lโ€™Istituto Comprensivo Statale Via dei Sesami, lโ€™associazione Ecococcole, lโ€™Universitร  LUMSA, lโ€™associazione Romana Pro Juventute Tetto, lโ€™associazione Rimettere le Ali, la cooperativa sociale La Nuova Arca.

Un partenariato forte e variegato, che sta giร  operando per costruire un sistema integrato di servizi innovativi e coordinati con i presidi socio educativi del territorio.

 

 

Organizzazioni Promotrici

Kairos societร  cooperativa sociale a r.l. Onlus,ย Associazione Rimettere le Ali Onlus, La Nuova Arca Societร  cooperativa sociale,ย OASI, Il Melograno Centro Informazione Maternitร  e Nascita,ย  Associazione Centro Italiano di Solidarietร  don Mario Picchi Onlus, Cooperativa Sociale Zoe, TU.MI.S.A.F. Tutela Minori e Sostegno Adulti Fragili, Consorzio Universitario Humanitas, Istituto Comprensivo Statale Via dei Sesami, Associazione di promozione sociale Ecococcole, Libera Universitร  Maria Santissima Assunta โ€“ LUMSA, Associazione Romana Pro Juventute Tetto Onlus,ย Mytandem Snc di Chiรน Sara e Melandri Sabina

percorsiconibambini.it/crescereinsieme/ โ€“ facebook.com/Crescereinsieme.Progetto

 

Il progetto รจ stato selezionato da Con i Bambini nellโ€™ambito del Fondo per il contrasto della povertร  educativa minorile. Il Fondo nasce da unโ€™intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 รจ nata lโ€™impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org