nell’ambito di TODI FESTIVAL // TODI OFF 

TEATRO NIDO DELL’AQUILA – TODI

venerdì 31 agosto 2018 ore 19

369gradi

presenta

 

CLAUDIO MORICI

46 TENTATIVI DI LETTERA A MIO FIGLIO 

di e con Claudio Morici

disegno luci Camilah Chiozza

Le avventure di uno scrittore ultraquarantenne,

piegato dal peso del marsupio.

A metà tra Remo Remotti e Franz Kafka, un po’ stesso e un po’ Queneau, Morici ritrae un padre separato, brizzolato, ultraquarantenne, piegato dal peso del suo bebè nel marsupio “radical” comprato a Roma est. Mentre con una mano cerca parcheggio e con l’altra naviga su Internet in paranoia per i vaccini. Un padre ormai costretto a inseguire i suoi sogni d’artista, per non dare il cattivo esempio. Un padre alla continua ricerca di un messaggio, di un senso, di una qualche perla di saggezza che possa trasmettere al suo erede. Ci prova scrivendo ben 46 lettere, una per ogni anno di vita, ma…riuscirà a fargli capire perché si è lasciato con la madre? Ci sarà scritto tutto? Sarà comprensibile? Ma soprattutto: suo figlio poi, una volta grande, siamo sicuri che voglia leggere queste lettere?

 

CLAUDIO MORICI

Scrittore, ha pubblicato 5 romanzi tra cui “La terra vista dalla Luna” (Bompiani, 2009), “L’uomo d’argento” (E/O, 2012) e “Confessioni di uno spammer” (E/O, 2015, presto diventerà un film). Nel 2015 ha debuttato al Teatro Biblioteca Quarticciolo con il suo monologo “Francesca Sana Subito“. I suoi reading riempiono locali notturni e teatri della capitale, come Teatro Quarticciolo, Angelo Mai, Orologio, Monk, Nuovo Cinema Palazzo,Nacosetta. Ha partecipato ai Festival: “Sulla Terra Leggeri” (Sassari), “Festambiente” (Grosseto), “Spaccateatro” (Torino), “Sharing Festival” (Ferrara), “Eclettica” (Roma), “Inventaria” (Roma), “Festival delle Storie”. I suoi racconti sono usciti su Il Manifesto, Nuovi Argomenti, Internazionale, MinimaetMoralia.

 

TODIFESTIVAL 

TODI OFF

TEATRO DEL NIDO D’AQUILA

h 19, Ingresso libero

 

 

ufficio stampa 

369gradi BENEDETTA BOGGIO 3332062996  benedetta.bo@gmail.com

369gradi è un organismo di produzione riconosciuto dal MIBACT che sostiene e produce arti performative nell’ambito dell’innovazione, della sperimentazione e della multidisciplinarietà. Il progetto nato sotto la direzione generale di Valeria Orani è strettamente legato alla costruzione di strategie che permettano sia la crescita e la valorizzazione del talento e della creatività delle formazioni artistiche prodotte, sia la promozione e la diffusione della drammaturgia e delle arti performative italiane contemporanee in Italia e all’estero. Tra il 2011 e il 2017 sono stati prodotti e coprodotti artisti e formazioni artistiche che hanno ricevuto premi nazionali e internazionali tra cui Andrea Baracco, (Certamen Festival di Almagro Off – Spagna, selezione Festival Globe to Globe – London Globe Theatre),  Punta Corsara (nel 2012 Ubuformazione under 30, nel 2013 Premio In-Box e Premio Ass.. Nazionale Critici di Teatro; nel 2015 I Teatri del Sacro, nel 2017 Premio Hystrio Iceberg) e Lucia Calamaro che con Origine del Mondo vince tre premi Ubu nel 2012. Dal 2015 collabora in USA con Umanism e con il Martin Segal Theatre Center progetto Italian PlaywrightsProject per la diffusione della drammaturgia italiana in America (oggi alla sua seconda edizione) e nel 2017 sviluppa in Italia il progetto gemello rivolto alla promozione della drammaturgia americana American Playwrights Project dove ai partner storici si aggiunge l’American University of Rome. Nello stesso anno prende vita il progetto WHITE RABBIT RED RABBIT di cui detiene i diritti in esclusiva per l’Italia. Con il 2018, parte un nuovo triennio dove la direzione artistica viene condivisa con Emanuele Valenti, autore e regista, direttore dell’ensamble Punta Corsara. In questo nuovo percorso il ruolo produttivo di 369gradi sarà dedicato alla drammaturgia contemporanea e alle sue possibili articolazioni.