Si terranno al cinema Farnese di Roma (Piazza Campo de’ Fiori, 56) tre proiezioni speciali del documentario FRIEDKIN UNCUT – Un diavolo di regista di Francesco Zippel.

Β 

  • Il 5 novembre alle 21.30 si svolgerΓ  la proiezione del documentario con un’introduzione del regista Francesco Zippel e della produttrice Federica Paniccia, moderata dal giornalista e critico cinematografico Alberto Crespi, voce della storica trasmissione radiofonica Hollywood Party.

Β 

  • Il 6 novembre alle 22.00 la proiezione del documentario sarΓ  introdotta dalla critica cinematografica Daniela Catelli di Coming Soon, autrice del libro β€œFriedkin: il brivido dell’ambiguità” edito da Transeruopa.

Β 

  • Il 7 novembre alle 20.15 l’ospite speciale della serata sarΓ  il regista Dario Argento, che insieme con il presidente dell’Associazione Piccolo America Valerio Carocci e la produttrice del documentario Federica Paniccia introdurrΓ  al pubblico in sala la proiezione del documentario.

Il film sarΓ  nei cinema come evento speciale il 5, 6 e 7 novembre distribuito da Feltrinelli Real Cinema in collaborazione con Wanted.

Grazie al contribuito di personaggi come Francis Ford Coppola, Wes Anderson e Quentin Tarantino, William Friedkin ci accompagna in un percorso che attraversa la sua vita e la sua carriera. Francesco Zippel restituisce un ritratto completo del regista che ha segnato con i suoi film gli anni ’70 del secolo scorso β€œIl film Γ¨ stato realizzato seguendo Billy Friedkin nei suoi mille viaggi e cercando di incastrarsi tra gli impegni degli altri attori e registi intervistati in giro per il mondo. Il viaggio per incontrare Francis Ford Coppola, le telefonate notturne con Zubin Mehta, uomo delizioso e straordinario cinefilo, la brusca affabilitΓ  di Michael Shannon, la regale ospitalitΓ  di Ellen Burstyn, la travolgente simpatia di Quentin Tarantino, l’intervista β€˜natalizia’ con Willem Dafoe, la sortita parigina per incontrare Wes Anderson, l’entusiasmo di Juno Temple e l’energia di Gina Gershon, la modestia del piccolo grande Damien Chazelle, sono alcuni dei momenti che hanno reso questi dodici mesi unici”.