> Dopo due romanzi un ritorno al primo amore, alla storia…
GiΓ , il primo amore non si scorda mai…ma mi piacciono anche il secondo e il terzo!
>
> Di cosa tratta?
In occasione del trentennale dell’inizio della prima Intifada, ho provato a ripercorrere i primi quattro mesi della rivolta, tra il terzo e il quarto vertice Reagan – Gorbaciov, nella convinzione che sia possibile rintracciare in essi le ragioni della crisi israelo – palestinese in parte valide ancora oggi.
>
> L’oggi sembra senza speranze: ottimista o pessimista?
Nonostante tutto, ottimista! L’ultimo capitolo si intitola proprio β€œl’ultima occasione” nella convinzione che in questo periodo ci siano condizioni uniche e forse irripetibili per riprendere un concreto dialogo.

> Ci puΓ² raccontare la sua esperienza di scrittore?

Importante, formativa, preziosa, a tratti anche divertente. Ma resto sempre e innanzitutto un giornalista

> Cosa le piace fare durante il giorno?

Parlare con le persone
>
> Cosa ama?
In questo periodo sgusciare e gustare una castagna davanti al focolare con un buon bicchiere di rosso tra le mani
>
> Cosa odia?
La cattiveria

> Ci racconti di lei liberamente.

Sono un curioso impertinente

> Una debolezza?
I dolci. Resisto, resisto, resisto…..poi cedo

>
> Quale libro πŸ“š presenterΓ  in futuro?

La storia di una famiglia normale per ripercorrere i fatti del nostro Paese dal dopoguerra a oggi
>
> Cosa sta leggendo?
Vincere ma non solo di Javier Zanetti e Un delitto fatto in casa di Gianni Farinetti
>
> Cosa ama della letteratura?
La capacitΓ  di leggere e andare oltre i fatti quotidiani
>
> Cosa ama della musica?
L’emozione che mi dΓ 

>
> Dove ha presentato il suo libro?

Come tutte le altre prime volte a Roma al mio Circolo, il Canottieri Tevere Remo.
>
> È stato un evento?
Sì, davvero prezioso e per fortuna anche molto affollato!
>
> Chi ha partecipato?
Tanti amici innanzitutto! Poi il Presidente dell’Associazione mondiale per la Memoria dell’Olocausto, ambasciatori, prefetti, colleghi giornalisti e tanti Soci del Circolo

>
> Ultima domanda: dove presenterΓ  il suo libro ora?

Prossimo appuntamento a Pisa, alla libreria Pellegrini