Mostre, spettacoli, eventi enogastronomici, incontri e conferenze. Nel suo primo anno di vita il WEGIL di Trastevere è diventato una realtà aperta e polivalente che si prepara a ospitare una nuova grande mostra fotografica, “L’aria del tempo” di Massimo Sestinidall’8 dicembre 2018 al 10 marzo 2019, e un ricco programma di spettacoli ed eventi – selezionati periodicamente attraverso un avviso pubblico – che animerà le sere di venerdì e sabato. I vincitori del primo bando andranno in scena fino all’8 marzo 2019.

Inoltre, nei prossimi giorni sarà pubblicato anche un secondo avviso pubblico per selezionare proposte artistico – culturali che potranno svolgersi al WEGIL dal lunedì al giovedì utilizzando lo spazio a titolo gratuito.

 

Grazie all’intervento della Regione Lazio e con i contributi derivati dall’Art Bonus, lo storico edificio è stato riaperto dopo oltre 40 anni ed è diventato un hub culturale a disposizione della città che ha messo a regime un programma stabile di attività con la gestione della società regionale LAZIOcrea. Ma la sua rinascita non finisce qui: entro settembre 2019 sarà completata la prima fase dei lavori di ristrutturazione del piano interrato e del secondo piano, dove avrà sede laScuola d’Arti Cinematografiche Gian Maria Volonté, un polo di formazione triennale gratuita dedicato ai ragazzi tra i 18 e i 29 anni che coinvolgerà importanti personalità del mondo del cinema e i cui allievi saranno selezionati tra giugno e settembre 2019 per avviare le attività tra settembre e ottobre. Saranno realizzate aule interdisciplinari, aule di montaggio audio/video, una sala mix cinematografica e un’aula magna per incontri e proiezioni.

 

I lavori saranno completati entro marzo 2020 e nei nuovi spazi troverà sede il Polo di Formazione per i dipendenti regionali e per gli stakeholder della Regione Lazio come i comuni, le ASL e gli enti locali e la Scuola di Formazione Enogastronomica gestita da Arsialcon il supporto tecnico di Agro Camera – Azienda speciale della Camera di Commercio di Roma. Quest’ultima sarà un polo di eccellenza nella formazione eno-gastronomica per i ragazzi degli istituti tecnici professionali e per l’aggiornamento degli addetti ai lavori e degli appassionati per valorizzare il paniere delle eccellenze del territorio, la cultura del cibo e la biodiversità della regione. Saranno realizzati: cooking show, laboratori tecnici, percorsi formativi e percorsi di aggiornamento per addetti ai lavori e operatori.

 

LE MOSTRE

 

Dall’8 dicembre al 10 marzo 2019 il WEGIL ospita la mostra fotografica diMassimo Sestini, L’aria del tempo promossa dalla Regione Lazio, organizzata da Contrasto in collaborazione con LAZIOcrea con la curatela di Alessandra Mauro. In mostra circa 40 fotografie di grande e medio formato realizzate da Sestini, fotogiornalista tra i più importanti e apprezzati del nostro paese, in modo inusuale e accattivante: dall’alto.

Fatti di cronaca, bellezze naturali, drammi, avvenimenti politici, tragedie e momenti di svago: è riuscito a raccontare tutto con la sua macchina fotografica e tutto con un punto di vista nuovo e diverso.

Sempre alla ricerca della “foto diversa”, nel corso degli anni Sestini ha perfezionato il suo metodo fino alla ripresa perpendicolare che gli permette di ottenere un impatto dimensionale amplificato. Con la visione zenitale il fotografo gioca nel capovolgere le nostre percezioni visive, fa navigare la Concordia spiaggiata, ribalta cielo e terra inseguendo un Eurofighter, osa nelle proiezioni delle ombre animate.

 

Dall’alto di un elicottero o di un aereo, attraverso la visione completa di un fatto di cronaca (il barcone dei migranti fotografato dal cielo: un’immagine che ha fatto storia e ha vinto numerosi premi come il prestigioso World Press Photo, o ancora l’affondamento della Costa Concordia all’isola del Giglio), di unaconsuetudine (il ferragosto sulla spiaggia di Ostia), di un dramma naturale (il terremoto del Centro-Italia), di avvenimenti storici e culturali (dalla strage di Capaci al funerale del Papa), nelle immagini di Sestini l’Italia svela in un modo unico le sue bellezze, le sue fragilità, la sua grandiosa complessità.

All’interno dell’esposizione ci sarà anche un omaggio alla Regione Lazio con una piccola composizione di immagini dal titolo L’area del Lazio.

 

Nei prossimi mesi WEGIL ospiterà altre grandi mostre, da “Resi orgogliosi dall’amicizia. Poeti a Roma tra gli anni ‘50 e ‘70” a quellasu “Gli anni del Male – 1978/1982”in cui si ripercorrerà la storia del più famoso settimanale satirico italiano della seconda metà del Novecento.

 

 

GLI EVENTI

 

Il WEGIL è uno spazio in grado di ospitare non solo mostre ma anche diverse tipologie di eventi. Fino all’8 marzo 2019 un ricco calendario di spettacoli, performance, dj set, concerti, reading e incontri, selezionati attraverso un avviso pubblico, andrà ad animare il venerdì e il sabato e nuovi avvisi saranno pubblicati nei prossimi mesi per garantire una programmazione stabile delle attività di animazione.

 

Nel periodo natalizio in programma anche alcuni appuntamenti adingresso gratuito a cura di Arsial ed Agro Camera, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Romadedicati all’enogastronomia: la proiezione del documentario “gastronomico” “Ciak in tavola: cibo, cucina e territorio” seguito da assaggi della tradizione (20 dicembre); un percorso tematico dedicato al panettone e ai vini da dessert del Lazio (3 gennaio); un percorso sensoriale tra arte e gusto (8 gennaio); una sinestetica tra cinema, musica e vini (9 gennaio) e, infine, “Pillole di storia a tavola: la maza di Lanuvio” con un’antica ricetta riproposta agli spettatori (10 gennaio).

 

Quattro giornate, invece, saranno dedicate ai più piccoli: la parata velopromozionale di Amilcare Polpacci attraverso l’intero quartiere (16 dicembre) che si replicherà il 23 dicembre seguita da un laboratorio di circo per tutta la famiglia, dal “Gran Varietà Velocirco” e da un “pic-nic di trucchi e abilità”. Il 27 dicembre in programma un laboratorio ludico didattico “Sento odore di formaggio” adatto a tutte le età mentre il 30 dicembre sarà replicata la “Microparata promozionale con velocipede e monociclo” e il laboratorio di circo, a cui seguiranno rappresentazioni di ombre cinesi e circensi.

 

Gli spettacoli, invece, partiranno con l’inaugurazione del 7 dicembre con il “Reading Simposium” di Iaia Forte e Maurizio Donadoni dedicato alla rilettura dei classici. A seguire l’evento di musica “Classico Rave” dove Pier Giorgio Dionisi e Luciano Lamanna animeranno il WEGIL con una commistione suggestiva tra musica classica e techno (8 dicembre). Successivamente in scena lo spettacolo itinerante “Streghe” con Antonella Civale, Annalinda di Pietro, Marta Nuti e Tiziana Scrocca (14 dicembre). Si prosegue con “Notti da favola con il “Trastevere Storytelling Festival”, narrazione orale improvvisata con “Racconti delle tradizioni spirituali legati al solstizio d’inverno” (21 dicembre), poi con “La Traviata_Opera Gourmet”, opera lirica in formato da camera abbinata alla proposta di uno chef (22 dicembre) e con “Donne d’Italia”, una lettura /mise en espace tratta dal libro di Alessandro Portelli “Ribelle Mai Domata” (28 dicembre). Il 29 dicembre è la volta di “Hip Hop Eroes” con alcuni protagonisti della scena romana. Il 4 gennaio in programma “Shakespeare Grand Tour”, spettacolo teatrale in cui gli spettatori sono fisicamente coinvolti in un viaggio onirico e metafisico ai confini della realtà. Si prosegue il 5 gennaio con “Racconto di paura”, raccolta di leggende sul soprannaturale con apparizioni dal sapore gotico. L’11 e il 12 gennaio, invece, in programma “Syntart” uno spazio multifocale in cui artisti nazionali ed internazionali si esibiscono simultaneamente per un’esperienza multisensoriale. Teatro, buona cucina e gioco sono, invece, gli elementi del “Murder Party – cena con delitto” (18 gennaio). Il 19 gennaio, invece, in programma la presentazione del libro “Sulle strade di Miguel” di Sergio Pretto con intervento dell’autore ed a seguire la performance “Invasion//Spexific” e il dj-set “Orto Social Sound”. Il 25 gennaio il WEGIL  si trasforma in una milonga argentina con l’evento “Tangoteca”, mentre il 26 gennaio la serata di danza sarà al ritmo dello swing con “Swing&Co”. Il 1° febbraiosi torna a teatro con il workshop di Riccardo Vannuccini e, a seguire, lo spettacolo “Peluche a Douma” e una cena a sorpresa a tema “teatrale”. E, ancora, il 2, 8 e 9 febbraio in programma tre appuntamenti con “Improvvisamente notte” happening teatrali e musica; il 15, 16, 22 febbraio e 1 marzo “Co.Ro festival delle voci comiche romane” e, infine, grande chiusura l’8 marzo con lo spettacolo “La violenza sulle donne” in cui si alterneranno voci, immagini, corpi che riattraverseranno esperienze, parole e silenzi.