Nessun colpevole, nessun mandante, nessuna giustizia. Pietro Sanua lo ricordano tutti. Senza colori politici, mettendo da parte le bandiere, gli schieramenti che alzano barricate

Sanua lo ricordano tutti, in tanti, chiunque avesse avuto un qualsiasi contatto con lui, con una parola: onesto. Alcuni, in molti, lo chiamano eroe. Per altri รจ stato il simbolo di una lotta alla mafia senza proclami o clamore. Per tutti, รจ stato lโ€™uomo onesto. Lโ€™uomo perbene.
Al tempo aveva avuto il coraggio di denunciare un racket che piegava le gambe ai venditori ambulanti di fiori e lui, da fruttivendolo, difendeva la categoria che ogni giorno “montava e smontava” il suo banchetto nei mercati.
Era anche presidente provinciale dellโ€™Associazione nazionale venditori ambulanti della Confesercenti, ma piรน che per il ruolo istituzionale che ricopriva, la sua era la volontร  e la passione di un uomo onesto, appunto. Erano gli anni di Mani Pulite e Tangentopoli, gli anni della corruzione e del malaffare che piegava.

Un’iniziativa che รจ servita per ricordare Pietro Sanua e per fare il punto sulla normativa vigente e recepire indicazioni sul come migliorare il funzionamento della loro attivita’ di contrasto all’usura.
Abbiamo gia’ provveduto a modificare alcuni aspetti importanti della legislazione antiracket e antiusura, come l’allungamento dei termini per la presentazione della denuncia da parte della vittima e stiamo lavorando ad una nuova norma che preveda, per i soggetti usurati e destinatari del mutuo decennale, la possibilita’ di essere assistiti da un referente o tutor, in analogia a quanto disposto per i testimoni di giustizia. Vogliamo aiutare la vittima a ripartire nel lavoro affiancandogli, a richiesta, una figura professionale in grado di seguirlo nel rapporto complicato con le amministrazioni e fornirgli tutte le indicazioni utili per poter accedere ad ulteriori fondi e finanziamenti.

Una giornata che assume una valenza straordinaria perchรฉ evidenzia questa importante collaborazione tra noi e le associazioni antiracket e antiusura.

Questa collaborazione che vogliamo sviluppare e implementare con le associazioni prosegue da tempo e noi vogliamo continuare a svilupparla. Le associazioni da parte loro, hanno dato la massima disponibilitร  ad iniziare un nuovo e moderno percorso finalizzato ad un maggiore coinvolgimento delle forze sociali ed istituzionali, concentrando gli sforzi verso un unico obbiettivo, rafforzare ulteriormente la cultura della legalitร  a partire dalle famiglie e dalle scuole, perchรฉ prevenire il fenomeno รจ fondamentale. Inoltre, attraverso il potenziamento dei rapporti Stato – istituzioni- cittadini, si potrร  rendere maggiormente operativo, attuale ed efficace il contrasto ai fenomeni criminosi, in particolar modo al racket e allโ€™usura dedicando maggiore attenzione e sostegno alle vittime oltre che da arginare la penetrazione della criminalitร  sia nellโ€™economia legale che nella politica territoriale. Agire in tempi brevi, sanare le incongruenze legislative e fare nuove norme. Bisogna essere ambiziosi e tornare a dare credibilitร  al sistema, soltanto cosรฌ si combatte la mafia, il racket, lโ€™usura e ogni altra forma di criminalitร .

Dico alle associazioni non perdiamoci di vista!!

Allโ€™incontro erano presenti: Luigi Cuomo – Presidente SOS Impresa, Tommaso De Simone – Presidente Camera di Commercio di Caserta, Prefetto Annapaola Porzio – Commissario Nazionale Antiracket, Lorenzo Sanua – figlio di Pietro Sanua, Gianni Solino – Referente LIBERA Caserta, Franco Malvano – Commissario regionale Antiracket Campania