Dal discorso โ€œEducation first!โ€ tenuto allโ€™Onu da Malala Yousafzai, la sedicenne pakistana che ha commosso il mondo per la sua resistenza al regime talebano, a quello dellโ€™eroina birmana Aung San Suu Kyi alla cerimonia del Premio Nobel per la pace, che ha potuto ritirare solo 21 anni dopo lโ€™assegnazione. Dalle parole di Nilde Iotti alla Camera per lโ€™approvazione della legge sul divorzio, nel 1969, ai vibranti โ€œThe ladyโ€™s not for turningโ€ di Margaret Thatcher ai colleghi del Congresso e il โ€œNo, no, noโ€ alla moneta unica. E, infine, lo struggente discorso in chiesa di Rosaria Costa, vedova dellโ€™agente Vito Schifani, morto nella strage di Capaci insieme a Giovanni Falcone. Alle parole di donne coraggiose รจ dedicato il nuovo appuntamento con โ€œI grandi discorsi della Storiaโ€, il programma di Rai Cultura condotto da Aldo Cazzullo, in onda mercoledรฌ 6 marzo alle 22.15 su Rai Storia. Oltre allโ€™analisi retorica e linguistica di Flavia Trupia, ci sono i contributi di Emma Bonino, della scrittrice Dacia Maraini, dei giornalisti Ritanna Armeni, Felice Cavallaro, Christina Lamb e Sergio Romano, e le testimonianze dirette di Rosaria Costa, che spiegherร  le sensazioni e le parole usate dalla vedova Schifani nel duomo di Palermo, di Albertina Soliani, accompagnatrice di Aung Sun Suu Kyi nel suo viaggio in Italia, e di Giorgio Frasca Polara, segretario personale di Nilde Iotti. โ€œGrandi Discorsi della Storiaโ€ รจ un programma a cura di Erika Brenna, scritto da Aldo Cazzullo e Luciano Palmerino, con la regia di Tommaso Vecchio e Jovika Nonkovic.