Milano, 15 marzo 2019. È disponibile da oggi, venerdΓ¬ 15 marzo, in tutti gli store digitali OSTENSIONE DELLA SINDROME β€œULTIMA CENA” (TURET / Virgin Records / Universal Music Italia) il live album che raccoglie il meglio dell’ultimo tour di WILLIE PEYOTE che ha seguito la pubblicazione dell’album β€œSINDROME DI TΓ”RET”, disco che conteneva il singolo certificato ORO β€œOTTIMA SCUSA”.

Sul palco insieme a WILLIE PEYOTE, Frank Sativa (giovane e acclamato produttore che recentemente ha ricevuto il premio Carlo U.Rossi per il miglior produttore italiano emergente proprio per l’album β€œSINDROME DI TΓ”RET”) alle tastiere e samples e i musicisti della Precaria Orchestra Sabauda: Danny Bronzini (chitarre e cori), Luca Romeo (basso), Dario Panza (batteria), Paolo D’Angelo Parpaglione (sax e flauto), Enrico Allavena (trombone), Luigi Giotto Napolitano (tromba e flicorno), Tom Newton (armonica).

Oltre a WILLIE PEYOTE e la Precaria Orchestra Sabauda, all’interno di questo progetto trova spazio anche un altro ospite che ha raggiunto Guglielmo Bruno (questo il suo vero nome) durante il tour, Ducth Nazari.

Questi i brani che fanno parte del live album: β€œIntro Orchestra Sabauda + L’Effetto Sbagliato”, β€œMetti che Domani”, β€œWillie Pooh + Dettagli”, β€œDj & Call Center”, β€œil Gioco delle Parti”, β€œLe chiavi in borsa” feat. Ducth Nazari, β€œPortapalazzo”, β€œLe ragazze del Peyote Ugly”, β€œI cani”, β€œIo non sono razzista ma..”, β€œC’era una vodka”, β€œOttima scusa”, β€œVendesi”, β€œChe bella giornata”.

Il primo live album di Willie Peyote nasce dall’esigenza di raccontare un tour di piΓΉ di cento concerti che ha avuto uno straordinario successo di pubblico e di critica e ha portato l’artista a suonare in tutta la penisola, dagli storici club della musica italiana, ai festival estivi consacrandolo come fenomeno live nell’ultimo anno e mezzo.

La crescita live di Willie Γ¨ stata costante, continua, merito della scrittura incisiva dell’artista, della sua grande capacitΓ  di stare sul palco, degli splendidi musicisti che lo accompagnano e della sua visione del concerto come un vero e proprio spettacolo curato con maniacale precisione in ogni dettaglio.

Dopo 4 album pubblicati tra il 2011 e il 2017 (β€œIl manuale del giovane nichilista”, β€œNon Γ¨ il mio genere, il genere umano”, β€œEducazione Sabauda” e β€œSindrome di TΓ΄ret”), l’artista torinese classe 1985 si conferma una delle figure piΓΉ interessanti e innovative della scena Indie italiana contemporanea e si autodefinisce sul suo profilo Instagram β€œnichilista, torinese e disoccupato perchΓ© dire rapper fa subito bimbominkia e dire cantautore fa subito festa dell’unità”, parole che mettono subito in chiaro il fatto di trovarsi davanti ad un libero pensatore capace di coniugare al meglio una attenta capacitΓ  di scrittura (piΓΉ tipica dei cantautori) ad un attitudine da rapper, tanto da essere stato chiamato tra i protagonisti dell’edizione 2019 di β€œMilano per Gaber” insieme ad artisti come Paolo Conte e Cesare Cremonini. L’appuntamento Γ¨ fissato per il 27 aprile al Piccolo Teatro Studio Melato.

WILLIE PEYOTE ha da poco accompagnato i Subsonica nei palazzetti italiani come parte integrante dello show, ritagliandosi, nelle due ore e mezza di concerto della storica band, un momento specifico nel quale duettava con Samuel ne β€œl’Incubo” (brano scritto da Willie insieme ai Subsonica per il loro nuovo disco β€œ8”) cantava, accompagnato dai Subsonica stessi, uno dei suoi brani di maggior successo β€œI Cani” e si cimentava in β€œRadioestensioni”, amatissimo brano del gruppo torinese.

L’esperienza di Willie nell’ 8tour lo ha consacrato in maniera incontrovertibile come uno dei maggiori talenti dal vivo che abbiamo in Italia e ha contribuito a far conoscere l’artista ad una platea ampia e variegata di appassionati di musica live.

http://www.williepeyote.com

https://www.instagram.com/williepeyote/