La Favola del Giorno: il vecchio babbione si trasforma in bombolone e bombolino

Il vecchio babbione si aggirava per la città senza errore. Il vecchio babbione non perdeva tempo appresso alle bambine e ai bambini, ma si aggirava per la città in cerca di un tozzo di pane. “Chi mi dà un tozzo di pane, chi mi dà un tozzo di pane?”.

Lisi i suoi vestiti, lisi anche i mocassini. Lise le sue parole, che andavano via con il vento come le rose, che portava dietro la sua amica e vecchia amante Adele. Un bel giorno, si trovò a passare sotto un balcone e a urlare: “Buoni uomini, buoni uomini, avete un tozzo di pane per me?” È il vecchio babbione proprio non si dava pace. Finché, da una finestrella, si levò un coro di voci: “Buon uomo, buon uomo, abbiamo noi un pezzo di pane per lei!”.
– “Magari, magari, che ho molta fame”.
E fu così che il buon bombolone divenne presto ricco e felice. Un bel giorno,una automobile si fermò vicino alla sua figura, nel bel centro della città incantata: “Sigor bombolone, signor bombolone, entri in macchina, che fa freddo”. Fetente e furbo ma come il furetto che egli portava sempre con se’ il vecchio bombolone era un miliardario alla rockfeller, che sempre si era difeso dalle chiacchiere della gente.
Felice come pochi, fu festeggiato dalla gente del posto come l’uomo più ricco del mondo.
Bombolone, la storia ha un lieto fine. E tutti vissero felici e contenti e da bombolone egli diventò il dolce bomboletto.