In questo periodo possiamo dire che sentiamo sempre di piΓΉ parlare di diritto e soprattutto il ramo del diritto di famiglia.
Infatti il 21 Luglio, con una sentenza della Cassazione, Γ¨ mutato il diritto inerente questa branca.
La sentenza Γ¨ la numero 11504/2017 che ha reso vano l’orientamento precedente modificandolo quasi in toto.
Infatti la Corte di Cassazione Γ¨ stata adita per ottenere una riforma della sentenza di appello della Corte di Appello di Milano, che aveva stabilito non dovuto un assegno di divorzio in quanto non era stato dimostrato in alcun modo che, senza di esso, cambiava il tenore di vita della coppia.
La sentenza di per sΓ© era conforme al diritto vigente, ma nonostante ciΓ² si volle cambiare la motivazione, come stabilito dall’art.384, 4 comma, c.p.c. mettendo l’accento su altri aspetti.
Non a caso la Corte ha fatto rilevare che il suo punto di vista cambiava e non si doveva fa re piΓΉ riferimento al tenore di vita precedente della coppia, bensΓ¬ si deve fare riferimento all’indipendenza economica del richiedente.
CiΓ² ovviamente va a discapito del richiedente stesso, che ha un onere della prova piΓΉ gravoso.
Infatti, con questa storica sentenza, si mette l’accento sull’autosufficienza economica e non sulla situazione esistente durante il matrimonio.
Questo Γ¨ risultato di immediata applicazione nel caso giudiziario piΓΉ noto nella materia, ovvero l’assegno divorzile che Γ¨ stato concesso da Silvio Berlusconi alla sua ex moglie Veronica Lario.
Quest’ultima, che precedentemente a questa sentenza riceveva un assegno plurimiliardario dal proprio ex-coniuge, si Γ¨ visto ridurre di moltissimo il suo assegno di divorzio ed Γ¨ stata condannata risarcire al suo ex marito una cifra di parecchi milioni di euro.