“Questo Γ¨ un libro sulla libertΓ . Non si limita alla denuncia dei rischi connessi all’abuso della rete, ma traccia le linee di una civiltΓ  della rete, per ridurne i rischi e moltiplicare i vantaggi”.
Dalla prefazione di Luciano Violante

IL LIBROΒ L’innovazione sta scardinando i parametri del vissuto individuale e collettivo, tanto da rovesciare l’interrogativo su cosa l’uomo possa fare della tecnologia nel suo inverso: cosa la tecnologia possa fare dell’uomo. Il digitale Γ¨ divenuto la trama stessa delle nostre vite, agente potentissimo di trasformazione sociale e politica, struttura e sovrastruttura insieme, testo e contesto: la cornice entro cui si svolge ogni espressione dell’uomo, tra β€œvolontΓ  di potenza” della tecnica e difesa delle libertΓ . Le implicazioni di questa β€˜rivoluzione’ si irradiano in ogni ambito della vita privata e pubblica: i dati (propri e dei propri β€œamici”) ceduti dai social alle app per fini di marketing politico, il cyberbullismo, le immagini dei minori cedute per pochi euro o violate, l’hate speech, l’oblio, le fake news, le intercettazioni e la cronaca giudiziaria, la libertΓ  del lavoratore, la sanitΓ  digitale, il testamento biologico, la cyber-security, l’ intelligence, la trasparenza, la tutela del consumatore e i big data. Sono, questi, solo alcuni degli aspetti del rapporto tra l’uomo e la tecnica, la vita e la rete, il diritto e il potere, sui quali il libro riflette per delineare una vera e propria etica per l’algoritmo, che riporti la persona al centro di un cambiamento altrimenti dispotico e distopico, coniugando dignitΓ  e innovazione, libertΓ  e sviluppo, diritti e progresso.

  • Come assicurare, nel mondo dei big data, modelli equi ed efficienti sia di concorrenza che – insieme – di protezione dati?
  • E chi dovrΓ  garantire l’affidabilitΓ  e la trasparenza dei criteri usati per selezionare classificare, decidere?

Queste sono solo alcune delle domande che ci si dovrΓ  porre in vista dell’entrata in vigore della legge.

ANTONELLO SOROΒ Deputato per 5 legislature, Γ¨ dal 2012 il Presidente dell’AutoritΓ  Garante per la protezione dei dati personali. Nel 2014 Γ¨ stato eletto vicepresidente del Working Party Art.29, l’organismo di coordinamento delle autoritΓ  europee di protezione dati.