Anche quest’anno LETTERATURE Festival Internazionale di Roma propone una serata dedicata ai “classici”. Sarà la serata di giovedì 28 giugno dal titolo INFINITI, che rende omaggio al duecentesimo anniversario della scrittura della poesia L’Infinito di Giacomo Leopardi, anticipando così gli appuntamenti previsti nel 2019 per la celebrazione del Bicentenario.

Il titolo di questo settimo appuntamento alla Basilica di Massenzio già sottolinea come la nozione di infinito sarà osservata da differenti punti di vista grazie alle riflessioni letterarie e scientifiche di ospiti di assoluta eccezione: il matematico PAOLO ZELLINI, che ha esaminato l’evoluzione del pensiero matematico attraverso il concetto di infinito in numerosi libri pubblicati da Adelphi e che leggerà al pubblico un suo testo inedito su questo tema scritto appositamente per il festival e il letterato e filologo CORRADO BOLOGNA che leggerà un suotesto inedito su Dante e le sue metafore sull’infinito, definite “assolute” perché non possono ridursi a ragionamento, a interpretazione logica, né a visibilità per giungere all’Infinito di Leopardi considerata altissima meditazione moderna intorno al Paradiso dantesco. Insieme a queste due lunghe riflessioni ascolteremo i poeti ROBERTA IOLI e FRANCO MARCOALDI,ciascuno dei quali leggerà una selezione di proprie poesie sul tema dell’infinito e la poetessa SILVIA BRE che regalerà al pubblico, oltre alla lettura di alcune sue poesie, anche  quella di alcuni testi poetici di altri autori, tra cui Emily Dickinson e Robert Frost.

Nel corso della serata saranno proiettate le illustrazioni di MIMMO PALADINO eseguite per i Classici Treccani. I grandi autori della letteratura italiana, 2012.

L’accompagnamento musicale è affidato alla ROMA TRE ORCHESTRA, diretta da Dario Macellari, che eseguirà, tra i vari interventi, i 5 movimenti della Serenata per archi di Dvořák.

L’edizione 2018 di LETTERATURE Festival Internazionale di Roma – dal 7 giugno al 3 luglio 2018 nella Basilica di Massenzio al Foro Romano – è promossa dall’Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale, curata dall’Istituzione Biblioteche di Roma e organizzata da Zètema Progetto Cultura, con un programma  ideato e diretto Maria Ida Gaeta con la regia di Fabrizio Arcuri.

La manifestazione è realizzata con il sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori e con il contributo di Acea.

CORRADO BOLOGNA

Ha insegnato Filologia romanza all’Università di Chieti e all’Università di Ginevra, poi alle Università di Roma “La Sapienza” e Roma Tre, dove ha insegnato Filologia e linguistica romanza. Attualmente insegna all’Università della Svizzera italiana (USI) e, dal 2016, alla Scuola Normale Superiore di Pisa dove svolge corsi di Letterature romanze medioevali e moderne. Collabora  con prestigiose riviste.Tra i temi della sua ricerca, legata a diversi magisteri, Bologna studia e insegna poesia dei trovatori, il Medio Evo latino, l’opera dantesca, la filologia volgare del secolo XVI, Ariosto, il Don Chisciotte …Accanto all’intensa attività di studioso e insegnante ha sempre coltivato la comunicazione radiofonica conducendo per anni le trasmissioni culturali pomeridiane di Radio Tre.

SILVIA BRE

Silvia Bre è nata a Bergamo e vive da molti anni a Roma. È poeta e traduttrice.

Ha esordito nel 1990 con la raccolta di poesie I riposi. Ha pubblicato, tra l’altro, le raccolte di poesie Le barricate misteriose(Einaudi 2001) con cui ha vinto il premio Montale e nel 2006 Sempre perdendosi (Nottetempo) con cui ha vinto il premio Montano. Nel 2007 sempre con Einaudi la raccolta Marmovincendo il premio Viareggio, il premio Mondello e il premio Frascati e infine ha pubblicato La fine di quest’arte (Einaudi, 2015). Ha tradotto, tra l’altro, Il canzoniere di Louise Labé(Classici Mondadori, 2000), da Emily Dickinson Centoquattro poesie (Einaudi 2011) e Uno zero più ampio (Einaudi 2013), Il giardino di Vita Sackville-West (Elliot, 2013). Nel 2010 ha vinto il premio Cardarelli per la poesia. Le sue poesie sono tradotte in varie lingue.

ROBERTA IOLI

Originaria di Cesena, si laurea in Lettere Classiche e in Filosofia a Bologna, per poi completare la formazione tra Cambridge e Roma. Da tempo insegna materie letterarie ed è traduttrice dall’inglese per la Casa Editrice Dedalo. I suoi interessi si sono concentrati soprattutto sulla filosofia presocratica, su scetticismo antico e sofistica. Si è occupata di teatro antico e poesia. Nel 2014 ha pubblicato la prima raccolta poetica, L’atteso altrove, Italic/Pequod. Alcuni inediti compaiono nella Enciclopedia di poesia contemporanea vol. 5, Fondazione Mario Luzi. Nel 2016 pubblica per Italic una seconda raccolta poetica dal titolo Radice d’ombra. Del 2018 la sua ultima opera Il felice inganno. Poesia, finzione e verità nel mondo antico edita da Mimesis.

FRANCO MARCOALDI

Franco Marcoaldi, poeta e scrittore, è nato nel 1955 e vive da tempo sulla laguna di Orbetello.

Nel corso degli anni è stato giornalista culturale, ha fondato riviste, è stato consulente di case editrici, ha scritto per il teatro, per la musica e per la televisione. Ha scritto libri di viaggio, saggi e romanzi. Ma il centro della sua attività è la poesia. Citiamo i volumi: A mosca cieca (Einaudi 1992, premio Viareggio), Celibi al limbo (Einaudi 1995), Amore non Amore (Bompiani 1997), Benjaminowo. Padre e figlio (Bompiani, 2004), Animali in versi(Einaudi, 2006), Sconcerto (Bompiani 2010). Per Einaudi ha pubblicato anche Voci rubate (1993), L’isola celeste (2000), Il tempo ormai breve (2008), Viaggio al centro della provincia(2009), Baldo – i cani ci guardano (2011), La trappola (2012). Sono del 2015 la raccolta Il mondo sia lodato (Einaudi) e del 2017 le opere Tutto qui e Di bestie e di animali. Ediz. Illustrata (Einaudi).

PAOLO ZELLINI

Laureato in Matematica all’Università di Roma, ha insegnato Analisi Numerica presso l’Università di Roma Tor Vergata. Nei suoi saggi esamina l’evoluzione del pensiero matematico attraverso il concetto di infinito e la nozione di numero nella la storia del pensiero non solo occidentale, su dichiarata ispirazione di Elémire Zolla. Tra le sue pubblicazioni per l’editore Adelphi: Breve storia dell’infinito (1993), Gnomon. Una indagine sul numero (1999), Numero e logos (2010), La matematica degli dèie gli algoritmi degli uomini (2016), La dittatura del calcolo (2018).

NOTA :

L’ultima serata di LETTERATURE si svolgerà martedì 3 lugliocon l’autrice MARGO JEFFERSON,  i 5 AUTORI FINALISTI PREMIO STREGA 2018 (Helena Janeczek, Marco Balzano, Sandra Petrignani, Lia Levi, Carlo D’Amicis), e la musica di Emanuele Frenzilli (pianoforte).

LETTERATURE è realizzato con la collaborazione di Ambasciate e Istituti culturali italiani e stranieri: Ambasciata degli Stati Uniti d’America in Italia, American Academy Rome,  InstitutoCervantes di Roma, Ambasciata di Israele in Italia,  Fondazione Treccani Cultura, Fondazione Bellonci.

Si ringraziano per la collaborazione: Ministero dei Beni e delle Attività Culturali/ Parco archeologico del Colosseo – Università degli Studi Roma Tre – Roma Tre OrchestraTeatro Palladium .

Le case editrici italiane che pubblicano gli autori ospiti di questa edizione sono: Adelphi, Bompiani, Editrice Nord, Einaudi, Einaudi Stile Libero, Fandango, Feltrinelli, Guanda, Giuntina Editore, La Nave di Teseo, Marcos y Marcos, Mondadori, Newton Compton, Neri Pozza, Sellerio, 66thand2nd.

LETTERATURE Festival Internazionale di Roma

7 – 12 – 14 – 19 – 21 – 26 – 28 giugno e 3 luglio 2018 ore 21.00

Basilica di Massenzio, accesso dal Clivo di Venere Felice (Via del Fori Imperiali)

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili

(previo ritiro biglietto a partire dalle 20.00 presso il botteghino in via dei Fori Imperiali)

In caso di pioggia: Teatro Palladium, piazza Bartolomeo Romano n. 8 (Metro B fermata Garbatella)

Per informazioni

060608 (tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 19.00)

www.festivaldelleletterature.it

#letterature2018

Facebook https://www.facebook.com/LetteratureFestival/

Twitter https://twitter.com/LetteratureFest

Instagram https://www.instagram.com/letteraturefestival/