Moda il mio amore. Iniziava sempre così gli articoli, la mia bella, e l’unica volta che presi l’autobus, la incontrai. Veramente, veramente la incontrai per caso veramente, per caso veramente, l’altro giorno sul bus, veramente, per caso, perché era così bella e così incolume da incontrare che la incontrai per davvero. Così incolume che la incontrai per davvero sul bus, così incolume che la incontrai per davvero sul bus l’altra mattina, così incolume che la incontrai di nuovo sul bus l’altra mattina, così incolume che la incontrai per davvero. E per incontrarla, che dramma. Era così bella che era la donna della mia vita, ma un signore ci si oppose, che non dovevamo metterci insieme, e vinse la causa, veramente, da vero poeta, veramente, da vero poeta, veramente, da vero incolume, e così vinse la mia causa, veramente, da vero poeta, e così bello da potersi permettere tutto davvero. Così importante da potersi permettere tutto veramente. Ora non mi posso permettere tutto, di più, veramente, ma sono pronta a vivere del tutto in maniera uniforme, perché amo quello che faccio e amo quello che amo fare tutto il giorno. Potrei consigliarvi un paio di scarpe, perché voi siete le scarpe e lei è a portarle, veramente, e così farò, lei è la moda, veramente, e voi siete i tacchi, rispondetemi, se volete, ma già ho sentito una donna dire: “Noi siamo i tacchi, ma se lei è così bella”, e farci l’amore, ma non è così bella come lei, ed è diventata tacco.

I. Saint. I.